Archivio dell'autore: marisasalabelle

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.

Avviso ai milanesi

Per chi è di Milano e zone limitrofe, un evento da non perdere.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Killing me softly

Elogi per i miei libri ne ho ricevuti tanti, abbastanza per saziare il mio famelico ego. Anche critiche, eh, ça va sans dire. Dal banale «scrivi benissimo» che tutti mi ripetono fin da quando avevo sette anni, a complimenti per … Continua a leggere

Pubblicato in diario, leggere, romanzo, scrivere | Contrassegnato , , , | 7 commenti

Las cinco de la tarde

Le cinque, un pomeriggio di dicembre, il cielo completamente terso, di un azzurro che a ovest, dove il sole è già scomparso, si tinge di giallo mentre a est, già più scuro, esibisce una perfetta luna piena, tonda e bianchissima, … Continua a leggere

Pubblicato in diario | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Incendio nel bosco

Incendio nel bosco, di Marco Candida, è la seconda uscita della collana Appenninica di Tarka. Una collana lanciata dall’editore toscano e curata da Paolo Ciampi e Marino Magliani, con l’intenzione di raccontare l’Appennino, questa spina dorsale dell’Italia, nei suoi molteplici … Continua a leggere

Pubblicato in diario, leggere, romanzo, scrivere | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

‘O presepe

Quindi: secondo il capo della polizia Franco Gabrielli, dobbiamo tutti fare il presepe, perché altrimenti corriamo il rischio di suscitare la sua diffidenza. «Hmmm» pensa Gabrielli venendo in visita a casa mia, «per quale ragione Marisa non ha fatto il … Continua a leggere

Pubblicato in diario | Contrassegnato , , , , , , | 7 commenti

Lingua veicolare

«C’est comme en français, j’andrè, tu andras, il andrà…» dice la volenterosa volontaria mentre cerca di spiegare a un allievo della scuola di italiano il futuro del verbo andare, usando come lingua veicolare un francese decisamente maccheronico. Il ragazzo algerino, … Continua a leggere

Pubblicato in diario, scuola | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Una profluvie

C’è poco da dire, sono nata professoressa e morirò professoressa. È una cosa un po’ antipatica, no? Questa di accorgersi sempre, leggendo un testo, di quello che non va bene e morire dalla voglia di dirlo. Eppure non riesco a … Continua a leggere

Pubblicato in diario, leggere, scrivere | Contrassegnato , , , , , , | 8 commenti

Break pubblicitario

Amici liguri ne abbiamo?

Pubblicato in diario, libreria, romanzo | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Avanti il prossimo

Ieri ho provato anch’io la sensazione di essere una sardina. No, non quelle sardine. Non che abbia nulla contro di loro, anzi. Mi fa sempre piacere quando le persone si mobilitano per un ideale. Solo che io l’ideale delle sardine … Continua a leggere

Pubblicato in diario | Contrassegnato , , , , | 2 commenti

Castori

E così, ora sembra che il tanto decantato modello finlandese, secondo cui si devono abolire le materie scolastiche, si deve far scegliere ai ragazzi cosa imparare, l’insegnante debba scomparire per diventare solo un “facilitatore”, abbia portato a risultati negativi. Scusate, … Continua a leggere

Pubblicato in diario, scuola | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento