Il saluto Romano

Romano La Russa, fratello del più famoso Ignazio, assessore nella giunta della Regione Lombardia, non è stato costretto a dimettersi per aver fatto il saluto suo omonimo durante i funerali del cognato. Non è stato, il suo, un gesto di celebrazione del fascismo, né una comprensibile goliardata: è stato un gesto d’amore.

«Tornando a casa, troverete i bambini, fate il saluto romano ai vostri bambini e dite: questo è il saluto di Romano La Russa.»

Pubblicità

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

20 risposte a Il saluto Romano

  1. wwayne ha detto:

    È grazie a uomini come Ignazio La Russa che a breve cesseranno di esistere le storture denunciate in questa canzone:

    • marisasalabelle ha detto:

      Quello che davvero mi meraviglia è come tu possa dar credito a personaggi improbabili come Ignazio La Russa e Povia…

      • wwayne ha detto:

        Povia è un cantautore di grande talento, come testimonia la sua vittoria a Sanremo 2006. Anzi, per lui la definizione di cantautore è riduttiva: merita di essere definito un vero e proprio Poeta, com’è successo prima di lui a Fabrizio De André. In pratica possiamo considerarlo un De André in versione destrorsa. Le sue poesie, oltre ad avere un eccezionale valore letterario, dimostrano anche una lucidissima capacità di analisi della nostra società: in “Immigrazìa” questa sua dote emerge in maniera molto evidente.

      • marisasalabelle ha detto:

        Indubbiamente versi immortali come “Luca era gay e adesso sta con lei” e “Mentre fissi il lampadario ti fregano il salario” sono degni di essere paragonati alle raffinate ballate di Fabrizio De André…

  2. silviatico ha detto:

    Romano è il fratello scemo di quell’altro genio che propose le guardie armate sui mercantili. Cosa che provocò il famoso incidente in cui morirono dei pescatori indiani, per mano dei nostri marò ed il loro conseguente arresto e detenzione.
    Chissà cosa ci riserveranno queste menti eccelse? Si immoleranno sulla battigia per respingere i barbari invasori? Si offriranno volontari per liberare l’Ucraina dai comunisti russi? In ogni caso è certo che ce li invidiano in tutto il mondo.

  3. Kikkakonekka ha detto:

    Dovrebbe essere un reato, ma poi non viene mai perseguito.

  4. recensioni53 ha detto:

    Ho ascoltato senza pregiudizi Povia e sinceramente non mi sembra un grande poeta. Continuo a preferire De André………

    • wwayne ha detto:

      De André è stato un poeta, e non un poeta qualsiasi, ma uno dei più grandi del Novecento.
      Povia è un ex cantante di musica leggera che ad un certo punto ha perso totalmente la brocca e si è dato al complottismo più sfrenato e demenziale.
      La sproporzione tra De André e Povia è così evidente che se li metti a paragone i casi sono 2: o sei un pazzo o stai scherzando. Io stavo scherzando, e solo poche parti del mio commento erano da prendere alla lettera.
      Una di esse era il mio giudizio positivo su Immigrazìa: siccome anche un orologio fermo fa l’ora giusta 2 volte al giorno, Povia ha realmente scritto un testo colmo di verità quando ha composto quella canzone. Grazie per aver ascoltato il brano in questione, e De André forever! 🙂

      • recensioni53 ha detto:

        Ti diverti un po’ ….. 😁

      • wwayne ha detto:

        Oh yes! 🙂 Tra l’altro ammetto che in questo caso il mio umorismo era difficile da decodificare, perché in passato ho davvero dimostrato apprezzamento per dei personaggi o dei prodotti discutibili, e alla luce di questi “precedenti” era perfettamente plausibile che io apprezzassi anche Povia. Buon fine settimana! 🙂

      • marisasalabelle ha detto:

        Conoscendo i tuoi gusti bizzarri e le tue simpatie così diverse dalle mie, ti confesso che c’ero cascata, anche se francamente a vedere paragonare Fabrizio a Povia mi sentivo ribollire il sangue!

  5. newwhitebear ha detto:

    C’è poco da stare allegri con questi soggetti. Tra tatuaggi e saluti il 28 ottobre è vicino, purtroppo. Vedo nero all’orizzonte. E niente di buono.

  6. vittynablog ha detto:

    Anch’io purtroppo vedo tanto nero!!!! Per fortuna la tua ironia mi ha veramente divertita!!! Che ci salvi veramente una risata? 🙂

  7. marisasalabelle ha detto:

    Speriamo, ma non ci conterei troppo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...