Nazi

Ieri, persino al TG La7 non hanno potuto fare a meno di mostrare le immagini del torace, delle gambe e delle braccia dei gloriosi membri del battaglione Azov, costellate di svastiche, croci celtiche, ritratti di Hitler e altri tatuaggi più o meno analoghi. Ai fotogrammi era stato impresso un effetto “terremoto”, grazie al quale le immagini sussultavano e si sfuocavano leggermente, ma non abbastanza da non permetterci di vedere chiaramente ogni cosa. La voce che commentava non ha speso una parola per dire “to’, guarda, alla fine erano davvero nazisti”, o anche solo “guarda che buffi disegnini si sono tatuati addosso”. No, era tutto normale, quelle erano le truppe che avevano strenuamente resistito e che alla fine si erano dovute arrendere.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

45 risposte a Nazi

  1. andream2016 ha detto:

    Sono degli sporchi nazisti. E per i nostri mass-media sono invece degli eroi

      • zipgong ha detto:

        Argomento difficile. Scivoloso come pochi. Esistono esempi di valore e di umanità nell’esercito tedesco della 2° guerra mondiale? Segnalo un audace esempio di anni passati. Per quei tempi era davvero un “eroe contro”. Un sergente preso fra dilemmi di fedeltà al Fuhrer e l’onore di militare che non si considera un assassino. Per anni in cui leggevamo fumetti prevalentemente editi su concessione della Fleetway Publications era un esperimento insolito.

  2. Fatti prima di redimersi l’ha detto Mentana. Ora sono partigiani.

  3. marcello comitini ha detto:

    E comunque, nazisti o meno, appartengono a una nazione che è stata invasa senza motivo. Immaginate che Putin invada l’Italia perché piena (come di fatto lo è) di nazifascisti. Saremmo d’accordo? O ci difenderemmo e gli diremmo: prima pulisci la tua nazione dai nazisti come te, che invadono i confinanti?

  4. marisasalabelle ha detto:

    Marcello e wwayne, innanzitutto non è vero che l’Ucraina è stata invasa senza motivo. Condanno l’invasione russa, sono contro la guerra e la violenza, ma bisogna anche saper fare un’analisi storica e non affidarsi solo a certi ritornelli semplificatori. In secondo luogo, per me i nazisti sono nazisti in ogni caso, e non diventano mai buoni

    • marcello comitini ha detto:

      Marisa, questo è un altro discorso. I nazisti stanno dappertutto nel mondo, ma grazieadio, non sono una nazione da invadere e martoriare. Se fossero una nazione, la si potrebbe combattere(e non aggredire) solo nel caso in cui si fosse aggrediti da loro.

  5. quarchedundepegi ha detto:

    Continuo ad essere dell’idea che Putin (non si dimentichi che faceva parte del KGB) avrebbe dovuto essere fermato quando si prese la Crimea… che faceva parte dell’Ucraina, nello stesso modo come Hitler avrebbe dovuto essere fermato quando si prese il territorio dei Sudeti… e poi la Cecoslovacchia. Che quei tipi fossero simpatizzanti di Hitler è meno importante.
    Il problema fondamentale è che, almeno i politici, dovrebbero aver studiato la storia.
    BUONGIORNO Marisa.
    Quarc

    • andream2016 ha detto:

      ecco, anche ci scrive i commenti dovrebbe studiare un minimo la storia (te lo dico senza nessun astio). La Crimea con ben due referendum democratici ha chiesto pacificamente di rientrare in Russia (la stragrande maggioranza degli abitanti non è ucraina ma russa). Però Kiev e la Nato non hanno inteso ragione.

      • quarchedundepegi ha detto:

        Caro andream2016,

        Per prima cosa “chi” si scrive con l’acca; in secondo luogo, per chi ha studiato la storia anche il territorio dei “sudeti” era abitato maggiormente da tedeschi… poi l’ingordigia di Hitler è aumentata e siamo arrivati alla catastrofe mondiale. Stando al tuo ragionamento l’Italia dovrebbe passare il Sud Tirolo all’Austria e certe zone dove si parla albanese all’Albania.
        Di questo passo diventa legittimo invadere e uccidere… la legge del più forte.
        Quarc

      • andream2016 ha detto:

        mai sentito parlare di errori di battitura? Non essere ridicolo

      • andream2016 ha detto:

        Mi metti in bocca cose che non ho mai detto. Ma a quanto sembra è vietato non essere appiattiti sulla propaganda Usa-Nato. Complimenti

      • marcello comitini ha detto:

        andream2016, con quali prove dici che siamo appiattiti dalla propaganda Usa-Nato? Mi conosci ? Conosci la mia formazione culturale? I miei orientamenti politici? O misuri tutto con il tuo centimetro e con lo stesso centimetro intendi misurare il senso delle mie parole?

      • andream2016 ha detto:

        basta leggere quello,che hai scritto e come hai reagito quando uno cerca di ragionare fuori dalla propaganda. Tutto è iniziato cin un post della padrona di casa in cui si ricordava che il battaglione Azov (regolarmente inquadrato nell’esercito) è un battaglione neonazista. Dirlo e ribadirlo non significa essere pro Putin.

      • marcello comitini ha detto:

        Eppure quello che hai letto (e interpretato) non è sufficiente né tanto meno ti autorizza a esprimere considerazioni non comprovate.

      • andream2016 ha detto:

        Come ho scritto in un altro commento, tutti (io compreso) cadiamo nella trappola di interpretare i commenti altrui. Quindi mi scuso.

      • SiamoSoloStorie ha detto:

        Se per questo all’italia dovrebbero essere restituite Istria e Dalmazia allora

      • marisasalabelle ha detto:

        Mah… le abbiamo avute solo per poco più di vent’anni… non molto per considerarle “nostre”

  6. marisasalabelle ha detto:

    Vedi, però, l’Italia ai suoi tempi ha agito in modo più saggio nei confronti della popolazione del sudtirolo. Non gli ha fatto guerra, ma ha messo in atto tutte le misure adatte a far rimanere quella regione con noi essendone contenta. E se poi i sudtirolesi si fossero davvero voluti rendere indipendenti o avessero desiderato diventare parte dell’Austria, avremmo fatto loro la guerra? E sarebbe stata una buona decisione? Ultimamente in Europa si sono avute divisioni che sono costate sangue e divisioni pacifiche: nel caso di guerra, la Jugoslavia, nel caso di separazione pacifica, la repubblica ceca dalla Slovacchia… non è forse meglio dirimere le controversie pacificamente?

  7. quarchedundepegi ha detto:

    Cara Marisa,
    Spero vorrai scusarmi se ho sfruttato il tuo blog in questo modo. Il fatto è che non sopporto chi uccide “a raffica” come sta accadendo in Ucraina. Ho lavorato molto in ospedale come medico, di giorno e di notte e so quanta fatica si fa, qualche volta, per far sorridere chi è sofferente.
    Ho conosciuto il fascismo da bambino e ho conosciuto di persona il paradiso comunista… nessuno dei due va bene.
    Buon Pomeriggio.
    Quarc

  8. WuOtto ha detto:

    ” Immagina un mondo,
    senza frontiere e senza nazioni,
    immagina un mondo,
    dove vivere in pace.”
    JOHN LENNON

  9. marisasalabelle ha detto:

    You can say, I’m a dreamer…

  10. andream2016 ha detto:

    Non continuo la discussione anche perché con i post di poche righe si rischia sempre di fraintendere il pensiero altrui (lo faccio io e lo fanno gli altri).
    Preciso una volta ancora che ritengo Putin un invasore fascista, ma ciò non toglie che pezzi dell’esercito Ucraino (il battaglione Azov) siano neonazisti. E preciso anche che i famigerati componenti del battaglione Azov si sono macchiati di vergognosi crimini in questi ultimi anni. In Italia fortunatamente non abbiamo battaglioni di questo tipo, per questo respingo il parallelo con la nostra nazione. Ma questo non significa che io giustifichi l’uccisione dei civili ucraini da parte dei russi.
    I bombardamenti russi sono ingiustificabili. Ma vogliamo fare uno sforzo per capire come mai siamo arrivati a questo tragico punto? Vogliamo iniziare a dire che ci sono colpe enormi anche da parte degli Usa-Nato?
    Sono un pacifista e sono anche un comunista, tanto per essere chiari.

  11. recensioni53 ha detto:

    Il battaglione Azov è un regolare reparto dell’esercito ucraino e pertanto, al di là del patriottismo, era dovere e mestiere di questi soldati combattere in questa guerra. Il tema è il perché siano inquadrati nei Reggimenti di alcune nazioni, reparti di ispirazione non di destra, che è altra cosa, ma proprio di ispirazione nazista con annessi simboli di triste memoria e peraltro già sotto osservazione per crimini di guerra. Certo, sono i meglio addestrati, hanno dei capi che parlano inglese con accento americano però i simboli che sfoderano sulla loro pelle hanno dei significati profondi…..

  12. marisasalabelle ha detto:

    Cari tutti, vi ringrazio per i molti commenti, credo di aver già detto quello che penso e di non aver altro da aggiungere!

  13. nerodavideazzurro ha detto:

    Le immagini parlano, ma non raccontano… Sono un affaire comunque interno all’Ucraina ( e strumentalizzato da non migliori oligarchi esterni ad essa), un bombardamento di tutta la nazione mi pare “un tantinello” esagerato.

  14. marisasalabelle ha detto:

    Anche se Putin ha parlato della necessità di denazificare l’Ucraina, non è questa la ragione della guerra, e d’altra parte nemmeno lui l’ha addotta come unica e principale causa

  15. nerodavideazzurro ha detto:

    Resta comunque una mia perplessità , visto che gli Usa e la NAto sono posti come “antimodello” da questi oligarchi; perché poi invece hanno invaso senza chiedere, prove in mano, una condanna per le eventuali violazioni addebitabili all’Ucraina dei diritti umani?
    Mi rendo conto anche io che i santi son ben altri, però qualcuno sta esagerando.

  16. marisasalabelle ha detto:

    Sono molte le cose poco chiare in questa guerra, alcune le capiremo tra qualche anno, altre non le sapremo forse mai

  17. Comunque Putin e i suoi accoliti non sono meno nazisti del battaglione Azof. Ha invaso una nazione portando una guerra indiscriminata e crudele e, non è nuovo a questo modo di fare in tante altre nazioni perché Pensa sempre alla grande Russia annettendosi con la forza le terre degli altri.

    • marisasalabelle ha detto:

      Sono d’accordo e condanno assolutamente l’azione di Putin. Tuttavia per amore della verità bisogna dire che anche gli Usa e la Nato pensano alla Grande America… e si sa che le pretese di grandezza e di dominio, da qualunque parte vengano, portano solo a guerra e sofferenza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...