Piattaforma

Lo diceva già Mussolini, che la Sardegna era la sua “piattaforma nel Mediterraneo”. Eja. Per un certo periodo, nei primi anni della Seconda guerra mondiale, l’isola è stata considerata particolarmente strategica e pesantemente bombardata, poi le cose sono girate diversamente, lo sbarco degli Alleati è avvenuto in Sicilia, in Sardegna la guerra è finita con l’8 settembre, nel senso che non c’è stata occupazione tedesca, anzi, i tedeschi che c’erano se ne sono andati quatti quatti. Tutte queste cose le ho lette in un libro molto interessante, Gli ingranaggi dei ricordi, scritto da… ops…

In ogni caso, l’idea della piattaforma gli è rimasta appiccicata, alla Sardegna, forse anche per via della sua forma rettangolare, che la rende simile alla plancia di una portaerei. E dopo la fine della guerra la Sardegna lo è diventata veramente, una portaerei, una piattaforma nel Mediterraneo. Non so neanche quante basi e quanti poligoni italiani, Nato e interforze ci sono. Interi tratti di costa o zone interne sono off limits, pertinenze militari. Le esercitazioni sono all’ordine del giorno e hanno costellato il territorio di proiettili, mine, bombe, rottami metallici e ogni ben di Dio. Moltissime persone negli ultimi trent’anni si sono ammalate di leucemia e altre forme tumorali e moltissimi bambini e animali sono nati con malformazioni. Ci sono processi in corso, ma la tendenza è a coprire tutto.

Al momento attuale, praticamente per tutto il mese di maggio, mese noto per le rose e per la Madonna, si sta svolgendo una grandiosa esercitazione, che coinvolge buona parte del territorio dell’isola, con navi militari nel porto di Cagliari e 17 aree costiere interdette ai civili (no transito, sosta, ancoraggio, no pesca, bagni, immersioni). Si chiama esercitazione, ma armi e proiettili, bombe e munizioni sono veri, e devasteranno il territorio in modo in gran parte permanente. Dimenticavo: l’operazione si chiama Mare aperto…

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

24 risposte a Piattaforma

  1. Kikkakonekka ha detto:

    “proiettili, mine, bombe, rottami metallici”
    Tutto molto bello.
    Il bagnante in spiaggia deve raccogliere la spazzatura.
    I militari dovrebbero *almeno* rimuovere i residui.

  2. parolealvapore ha detto:

    Che orrore!!!!!!!!!!!

  3. Transit ha detto:

    Quando si dice: “Protezione dell’ambiente e della fauna.” E la cosa tragica è che ridere o piangere sono la stessa identica cosa: li accomuna e li unisce, intrinsecamente, la disperazione. Se la natura e gli animali potessero dire la loro, saremmo sommersi non solo dagli insulti ma da ben altro.

  4. Evaporata ha detto:

    Ce la mettono proprio tutta per distruggere a più non posso. 😦

  5. chiccoconti ha detto:

    Per non parlare di quando succedono cose come la tragedia del Cermis, praticamente impunita

  6. marisasalabelle ha detto:

    Già, me ne ricordo bene!

  7. Enri1968 ha detto:

    Una schifezza aver permesso queste azioni alle persone sarde e al loro territorio.

  8. marisasalabelle ha detto:

    Stanno rovinando uno dei posti più belli…

  9. marisasalabelle ha detto:

    Non ho capito: se vinco, cosa?

  10. Speranza ha detto:

    È quando sono nata che a maggio si fa questa grande esercitazione militare. Lo so senza vedere tv o leggere giornali: vivo a due passi da una base militare. Sai che concerto quando sfrecciano gli aerei sopra la testa! Qualche volta anche di notte 😕

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...