Wargames

Ho appeso alla ringhiera del balcone la bandiera della pace. La tenevo esposta da qualche anno, poi l’ho dovuta togliere quando ho avuto i lavori sulla facciata e il balcone è stato demolito e poi ricostruito. È una vecchia bandiera scolorita, messa alla prova da sole, pioggia e vento. Quando l’ho attaccata, nel gennaio 2020, secondo quanto mi dice la cronologia del mio cellulare, era nuova di zecca e i colori erano brillanti. Poveretta, si è fatta tutta la pandemia, tutti i lockdown, le zone rosse, solo davanti alla minaccia del martello pneumatico si è dovuta arrendere. Ieri l’ho rimessa, nel caso che Putin e Biden la vedessero tramite i loro droni che controllano tutto e avessero un piccolo ripensamento. Ma a quanto pare casa mia non è coperta dai droni, o forse i due superpresidenti non hanno voluto darmi ascolto. O magari, visto che per sbaglio ho appeso la bandiera alla rovescia, non sono riusciti a leggere la parola PEACE…

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

21 risposte a Wargames

  1. chiccoconti ha detto:

    Per almeno una decina di giorni, se non di più, sarà guerra, col suo odioso e inevitabile carico di morti e sofferenze. Che ci piaccia o no (e, per quanto ovvio, non mi piace)

  2. Claudio Capriolo ha detto:

    Per i padroni del mondo una bandiera lacera e stinta vale molto poco, ma la pace non vale nulla.

  3. OLga ha detto:

    Speriamo sia ancora possibile il dialogo!Ciao

  4. Da qualche parte devo averla ancora.
    Ma conviene mettere quella cinese, leggevo che consigliava così l’ambasciata cinese ai suoi concittadini in un Ucraina.

  5. wwayne ha detto:

    Quando cominciarono ad andare di moda le bandiere della pace erano gli ultimi anni dell’infinito duello tra Prodi e Berlusconi. Queste bandiere venivano appese o indossate soprattutto dai Prodiani: la scuola superiore in cui andavo allora era frequentata soprattutto da Berlusconiani (una rarità qui in Toscana), e quindi gli studenti che osavano indossare quelle bandiere a mo’ di foulard venivano visti come dei veri e propri appestati, la feccia del nostro liceo.
    Io ero uno dei pochi a non essere schierato né dall’una né dall’altra parte: ero già di destra, ma Berlusconi non mi era mai piaciuto. A quei tempi l’unico politico che mi piaceva era Cossiga. Non a caso alle mie prime elezioni non votai né Prodi né Berlusconi, ma Giuliano Ferrara: già allora ero un anticonformista. 🙂

  6. marisasalabelle ha detto:

    La bandiera della pace è un simbolo internazionale e mi pare riduttivo attribuirne l’adozione a simpatie prodiane. Io da parte mia l’ho appesa alle mie finestre e indossata durante manifestazioni non certo per indicare una mia simpatia politica ma per la difesa dell’ideale della Pace

  7. eleonorabergonti ha detto:

    Brava Marisa, 👏👏. Tutti dovremmo appendere una bandiera della pace.

  8. marisasalabelle ha detto:

    Be’, compratela, allora, ed esponetela tutti alla finestra!

  9. newwhitebear ha detto:

    atto simbolico ma almeno ci si prova.La guerra? Non si fermerà lì. Parlando con un’amica dicevo che tutto questo mi ricorda il 1939 e Danzica. In realtà è cominciata prima con annessione Austria e Cecoslovacchia. Forse sono pessimista ma forse no.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...