The new democracy

Abbiamo già un generale dell’esercito come commissario straordinario per l’emergenza covid, un banchiere dagli occhi di ramarro che si sta dando da fare per traslocare al Quirinale e diventare il nostro Presidente per ben sette anni: abbiamo bisogno del capo dei Servizi Segreti al governo o ne possiamo anche fare a meno?

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a The new democracy

  1. endorsum ha detto:

    Ramarro… Varano!

  2. marcello comitini ha detto:

    Ne possiamo fare a meno. A dir la verità, potremmo fare a meno di tanti personaggi…. che svolgono le loro funzioni pro domo sua.

  3. wwayne ha detto:

    Non so Lei, ma io sto provando sempre maggiore insofferenza per le continue minacce di Letta a Salvini. Oggi ha detto: “O Salvini dice con chiarezza che la maggioranza è il suo punto di riferimento oppure, se va allo scontro, va a segnare la fine della legislatura. Se passa un presidente o una presidente con 505 voti raccolti tra cambiacasacca e gruppo misto è finita”. Il succo di questo discorso è: Caro Salvini, se eleggi un presidente facendo di testa tua e senza la nostra approvazione noi facciamo saltare il governo. Questo ricatto è sbagliato per 2 motivi:

    1) In linea di principio l’elezione del presidente della Repubblica è un evento a sé stante, che non ha niente a che vedere con il governo. Poi ci sono dei politici come Letta che vogliono a tutti i costi legare a doppio filo le 2 cose, ma è una castroneria loro, non sta scritto da nessuna parte che per eleggere il presidente della Repubblica le varie anime della maggioranza devono essere tutte d’accordo.
    2) Se Salvini ha in mano abbastanza voti per eleggere il presidente della Repubblica ha il sacrosanto diritto di farlo, e non è tenuto in nessun modo a chiedere il permesso a Letta. Anzi, io se fossi in Salvini dopo queste dichiarazioni lo ignorerei per principio. Lo dico nonostante il leader della Lega non mi stia affatto simpatico.

    Le mie considerazioni La trovano d’accordo?

  4. marisasalabelle ha detto:

    Non riesco a visualizzare la parola “minacce” in relazione a un uomo come Letta… ammesso che riesca a immettere un minimo di aggressività nella sua voce, è nulla rispetto alla perpetua aggressività di Salvini, che ora sta giocando a fare il Padre della Patria… questa è una battaglia politica e ognuno si muove come vuole, non amo Letta e non voto PD, ma non sento nessuna tenerezza verso Salvini. Detto questo, secondo me il centrodestra non ha una maggioranza autosufficiente, comunque può provare a scommettere cercando di raccogliere voti sparsi. Indubbiamente il centrosinistra ha il potere, se venisse eletto un candidato sgradito, di far cadere il governo, visto che ne fa parte; ognuno fa il suo gioco. A questo bisogna poi aggiungere che Draghi ha detto chiaro e tondo che secondo chi viene eletto lui non ci sta.

    • wwayne ha detto:

      Letta ha detto a Salvini che se elegge il presidente della Repubblica senza il suo permesso il governo salta: se non è una minaccia questa… peraltro a darmi fastidio è il fatto che Letta dica di voler eleggere un nome condiviso per favorire la tenuta della maggioranza, quando in realtà lo fa per pura e semplice mania di protagonismo, perché non sopporta che il ruolo di kingmaker lo ricopra Salvini e lui resti in disparte a non far niente.
      Comunque di voti sparsi alla destra ne bastano pochissimi: avendo circa 450 voti di partenza gliene servono in teoria altri 50, in pratica altri 100 (perché qualche franco tiratore c’è sempre). Spero che Salvini li trovi, e che Letta scopra dai giornali chi sarà l’erede di Mattarella: sarebbe la giusta punizione per il suo inqualificabile comportamento. Grazie per la risposta! 🙂

  5. almerighi ha detto:

    James Bond può andar bene?

  6. recensioni53 ha detto:

    Gli imperatori romani godettero di un potere enorme, ma spesso precario, perché esposto a congiure e intrighi che interessavano spesso i familiari. L’incidenza di morti violente tra di essi aumentò notevolmente dalla crisi del terzo secolo in poi (235-476), parallelamente alla diminuzione media degli anni di regno. E la pratica continua……….

  7. marisasalabelle ha detto:

    Ricordo dai miei lontani studi che in un certo periodo circa 30 imperatori furono assassinati uno dopo l’altro… Ora almeno si tratta di omicidi simbolici!

  8. recensioni53 ha detto:

    Stiamo facendo dei passi avanti……

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...