Come Gesù

Novak Djokovic si trova in un albergo di Melbourne in attesa che gli australiani decidano se vogliono permettergli di giocare a tennis pur non essendo vaccinato. Il campione si lamenta perché l’albergo è assai inospitale e suo padre lo paragona addirittura a Gesù messo in croce. Nello stesso albergo fetente sono trattenuti dei profughi che hanno commesso il grave torto di chiedere asilo in Australia. Un ragazzo iraniano è lì dal 2013. «Avevo 15 anni e ora ne ho 24», dice a un giornalista. Tosti gli australiani, eh.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

28 risposte a Come Gesù

  1. Raffa ha detto:

    Speriamo che qui non prendano esempio, ne abbiamo già abbastanza così.

  2. Ne finanziamo parecchi all’inferno di questi centri.

  3. luisa zambrotta ha detto:

    Il padre lo paragona a Gesù e Spartaco! Ma collega il cervello prima di fare dichiarazioni?

  4. il solito furbetto che pensa di essere al di sopra di tutto; sarà anche un campione sportivo ma è un uomo piccolo piccolo.

  5. wwayne ha detto:

    Chi sceglie di emigrare in Australia lo sa in anticipo che cerca di entrare in un paese chiuso a doppia mandata. Chi è causa del suo mal pianga se stesso…

    “Do not come”
    Kamala Harris
    vice – presidente degli Stati Uniti
    figlia di immigrati
    politico di sinistra
    grande donna

    • marisasalabelle ha detto:

      Kamala Harris soffre della sindrome del vagone…

      • wwayne ha detto:

        Confesso di ignorare cosa sia la sindrome del vagone, e Google non mi aiuta. Può spiegarmelo Lei, per favore?

      • marisasalabelle ha detto:

        Allora, c’è un treno sul quale si trovano vari passeggeri nei diversi vagoni. All’inizio del viaggio, nel vagone che ci interessa, ci sono due persone che si sentono in qualche modo autorizzate a sedere lì. A una stazione entrano altri due e prendono posto nel medesimo vagone. I primi due protestano molto, non li vogliono, ma gli intrusi restano e dopo un po’ sono considerati abilitati a stare in quel vagone. Ma alla stazione successiva arrivano altri due e vogliono salire su quel vagone: a quel punto i primi e i secondi arrivati si coalizzano contro gli ultimi… e così via. Kamala Harris è figlia di immigrati e considera un suo diritto essere americana, ma non accetta che nuovi immigrati facciano quello che i suoi genitori in passato hanno fatto.

      • wwayne ha detto:

        Le segnalo quest’acuto e dettagliatissimo articolo su Kamala Harris: https://www.corriere.it/esteri/21_dicembre_27/kamala-harris-crollo-b70bb032-668d-11ec-b637-b5d66a8044dd.shtml. Grazie per la risposta! 🙂

  6. Enri1968 ha detto:

    Beh, potrebbe girare i tacchi ed andarsene, visto che lo può fare, altri no.

  7. chiccoconti ha detto:

    Poi vuoi mettere l’ultranazionalismo serbo?

  8. quarchedundepegi ha detto:

    Povero Djokovic!!! Speriamo che non lo mettano in croce.
    Buona serata Marisa.
    Quarc

  9. recensioni53 ha detto:

    L’Australia da sempre ha frontiere invalicabili con annesso un sofisticato sistema di controllo dei bagagli. Per carità può essere messo in discussione il loro sistema ma, a parità di condizioni, non si capisce perché Gesù/Spartaco sia solo il riccone di turno, che peraltro si è già rivolto ad uno stuolo di avvocati.

  10. marisasalabelle ha detto:

    In effetti a quanto pare lo hanno già ammesso…

  11. wwayne ha detto:

    Il 15 Settembre 2021 avevo scritto su questo blog:

    “Se davvero non sarà possibile raggiungere l’immunità di gregge e quindi sconfiggere il virus con i vaccini, sono convinto che i governi di tutto il mondo si rassegneranno alla sua presenza, senza più combatterlo con misure drastiche. La gente non sopporterebbe di convivere in eterno con le mascherine, con le quarantene a seguito di un contatto con un positivo, con le chiusure generalizzate, con i divieti di spostarsi anche da comune a comune.
    Insomma, a mio giudizio lo stato di emergenza è destinato a finire al massimo nel 2022, che il virus venga sconfitto o meno. E non solo in Italia, ma in tutto il mondo.”

    La mia previsione ha iniziato ad avverarsi in Spagna: https://it.notizie.yahoo.com/coronavirus-la-spagna-si-prepara-134258396.html.

    • marisasalabelle ha detto:

      Da un lato vedo questa necessità di uscire dall’emergenza, da un altro verso però sento parlare di “nuove strette” e comunque l’esperienza di questi due anni mi ha insegnato a non fare mai previsioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...