I risultati

«Un ferroviere che avesse bloccato un treno piombato per Auschwitz sarebbe stato un eroe, un portuale che bloccasse l’attività di uno scalo per non esibire il Green pass è solo un irresponsabile da sanzionare.»

E con queste parole ispirate Berlusconi, la cui santificazione sta procedendo a ritmo serrato, si è guadagnato il plauso unanime. Chiunque può vedere la somiglianza tra le due situazioni e dunque l’assoluta opportunità del paragone, inoltre con questa affermazione l’ex cavaliere oltre a confermare la sua totale adesione agli interessi del Capitale, si è rivelato un implacabile avversario del nazismo. Ora può concorrere con tutti i requisiti alla corsa per Presidente della Repubblica.

Intanto Enrico Michetti, trombato alle elezioni romane, ha asserito che il risultato del voto è laconico. In effetti sono sufficienti poche parole per spiegarlo: Michetti, va’ a casa, hai perso. Più laconico di così…

Giorgia Meloni, sua principale sponsor, con la faccia ingrugnita ha ammesso che il centrodestra ha perso queste elezioni, però, dai, non è certo stata una débacle, solo una sconfitta di stretta misura. Invece Salvini queste elezioni non le ha affatto perse, ha vinto, prima aveva otto comuni, ora ne ha dieci, che importa se non si tratta di Roma, Milano, Torino, Napoli: Grosseto, come disse quello, è molto più grande di Roma, non lo sapevate?

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a I risultati

  1. wwayne ha detto:

    È da un bel pezzo che i novax fanno le vittime tirando fuori osceni paragoni tra loro e gli ebrei, quindi Berlusconi ha fatto benissimo a rimetterli al loro posto.
    Questa condanna ha avuto così tanta rilevanza non perché è stata pronunciata da Berlusconi (che ormai ha il peso politico di una scureggia), ma perché è venuta da destra, ovvero da una fazione che ha scelto irresponsabilmente di flirtare senza ritegno con i novax.
    Berlusconi ha fatto bene a prendere le distanze da questi soggetti, perché così allontana dalla mente degli italiani l’idea che il vaccino sia una cosa di sinistra (idea che si stava radicando sempre di più dopo gli sciagurati ammiccamenti ai novax di Salvini e Meloni). Il vaccino non è una cosa di sinistra o di destra, ma un atto d’amore nei confronti di noi stessi e dell’intera comunità. È ridicolo doverlo specificare, ma in un paese come questo, in cui qualsiasi cosa viene politicizzata e trasformata in un derby tra destra e sinistra, anche un’ovvietà come questa va ribadita con forza.
    Riguardo a Giorgia, ha fatto benissimo a riconoscere la sconfitta anziché tentare pateticamente di farla passare per una vittoria (come ha fatto Salvini). L’unica cosa che non mi è piaciuta è la parte in cui dice che i grillini stanno peggio di lei: mi ha ricordato quegli alunni che prendono 4, e anziché disperarsi esultano perché c’è qualcuno che ha preso 3. Quel 4 resta un pessimo voto a prescindere da cosa hanno fatto gli altri, e allo stesso modo Giorgia ha preso una batosta a prescindere da come sono andati i grillini. E poi lo sappiamo tutti che giudicare i risultati del Movimento 5 Stelle a livello locale non ha senso, perché sono un partito interamente basato sul web, senza alcun radicamento sul territorio, e quindi i loro elettori “spuntano fuori” solo ed esclusivamente alle elezioni politiche.

  2. marisasalabelle ha detto:

    Sì, ma alla precedente tornata proprio i grillini avevano conquistato Roma e Torino, quindi la loro è stata davvero una grande sconfitta. Quanto alla battuta di Berlusconi, io non l’ho vista come volta a ribattere chi ha fatto paragoni tra il Green pass e l’Olocausto, mi è sembrata una pessima battuta (come lo sono quelle di chi fa certi paragoni fuori luogo) assolutamente priva di senso.

    • wwayne ha detto:

      E’ vero: nonostante i grillini abbiano puntato sempre e solo alle elezioni politiche, qualche volta gli è capitato in sorte anche qualche successo alle elezioni locali, probabilmente senza che loro neanche se l’aspettassero. Purtroppo per loro non hanno saputo sfruttare questa grande occasione. Comunque di Virginia Raggi ricorderò sempre questa fulminante descrizione che fece di lei Corrado Augias: “Una signora chiaramente smarrita in un ginepraio sfuggito alle sue capacità di controllo […] dotata di un’ambizione fuori misura rispetto alle sue doti”.

  3. marisasalabelle ha detto:

    “Chiaramente smarrita” mi sembra calzante

  4. aure1970 ha detto:

    Il Grande Vecchio è un furbastro.
    La tua analisi della sua battuta è tragicamente precisa: punta in alto.

  5. marisasalabelle ha detto:

    Capace che ce la fa… il “padre nobile”::.

  6. Tony Pastel ha detto:

    Ma tra i requisiti per essere eletti Presidenti non c’è anche quello di essere ancora vivo?
    Imbalsamato non è la stessa cosa.

  7. recensioni53 ha detto:

    Quello che mi sgomenta di più è la scarsa affluenza dei votanti, di cui si parla poco, collegata forse alla scarsa affezione dei politici ai possibili votanti. Vincere con il 60 % del 50% non mi sembra grandioso.

    • marisasalabelle ha detto:

      No, infatti. Molte persone sono completamente disamorate, non pensano che votare abbia importanza, e in effetti non hanno tutti i torti

      • wwayne ha detto:

        Magari se i nostri politici non avessero eletto come presidenti del consiglio uomini che nessuno conosceva e che non si erano neanche presentati alle elezioni (da Monti a Conte) non si sarebbe arrivati a questo punto. E lo dice uno che Monti l’ha apprezzato tantissimo: a non essermi piaciuto è il modo in cui è arrivato lì. Se alle elezioni si presentano un leader di destra, uno di sinistra e uno del Movimento 5 Stelle il premier lo deve fare uno di questi 3: se invece lo fa uno tirato fuori dal cilindro, è normale che l’italiano medio si indispettisca e pensi “La prossima volta resto a casa”.

      • marisasalabelle ha detto:

        Questo, e tante altre cose. Il ruolo sempre meno importante del Parlamento, partiti che cambiano programma in corsa, gente che esce dal partito in cui è stata eletta…

      • wwayne ha detto:

        Sul ruolo sempre meno importante del Parlamento non sono d’accordo. E’ vero, sempre più spesso ai nostri parlamentari le leggi vengono fatte approvare a forza mettendoci sopra la fiducia, ma loro hanno ancora il potere di ribaltare il tavolo in qualsiasi momento se vogliono. E non devono neanche sforzarsi chissà quanto: basta che un pugno di parlamentari si metta d’accordo per mandare a casa un premier e lui è bello che fottuto. Ad esempio, Conte è stato silurato da Renzi e una ventina di senatori suoi amici, e ne bastarono ancora meno per far cadere il governo Prodi II.
        Insomma, in teoria un premier può governare da solo in molti modi (ponendo la fiducia su una legge, emanando un dpcm eccetera), ma in pratica è costretto ad una continua mediazione con i parlamentari, che lo tengono per le palle e possono mandarlo a casa quando vogliono. A meno che non vinca le elezioni con un margine gigantesco, e ottenga quindi una maggioranza schiacciante sia alla Camera che al Senato. Tuttavia, in un sistema tripolare come il nostro questo scenario è praticamente impossibile.

  8. Austin Dove ha detto:

    BEEP BEEP BEEP
    rilevata qualche testa che oltre a essere pelata e con trapianti di capelli è pure testa di cazzo
    BEEP BEEP BEEP

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...