La giornalaia non scherza

«Buongiorno, vorrei Domani

«O che esce di lunedì, Domani

«Certo, l’ho preso altre volte!»

«Hmmm… mi sa che… ah no, eccolo!»

«E La lettura

«La lettura? Mi sembra che questa settimana non l’abbiano mandata.»

«Strano, perché ho visto la pubblicità su internet.»

«Ah, eccola. Sono due euro.»

«Come, due euro? Domani costa un euro…»

«E uno La lettura

«No, La lettura costa 50 centesimi.»

«Mi faccia vedere… ha ragione! E io che finora l’ho sempre fatta pagare un euro!»

Perché io sarò rincoglionita, ma anche la giornalaia non scherza.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a La giornalaia non scherza

  1. quarchedundepegi ha detto:

    La giornalaia rincoglionita?
    A me non sembra… proprio no.
    Buon Pomeriggio.
    Quarc

  2. Stef555 ha detto:

    Domani costa meno ma nei comuni piccoli non arriva più, lo compravano dopodomani 🤷

  3. marisasalabelle ha detto:

    Dopodomani Domani diventa Ieri… o no?

  4. Stef555 ha detto:

    purtroppo nessuno compra un giornale di ieri! Ma quando arriva, domani è già vecchio!

  5. nerodavideazzurro ha detto:

    Wow, mai sbagliare un giorno una volta con ‘sta giornalaia! ^^’

  6. maxilpoeta ha detto:

    ah ah ah 😁🤣 potreste organizzare una cena. Ad ogni modo sareste in ottima compagnia, qua sembra che diano tutti i numeri, c’è un salumiere che fa anche da negozio di alimentari, dove ora non vado più, che ogni giorno mi faceva venire matto. Compravo 3 cose, me le dava, poi mi chiedeva “quante cose ti ho dato? Ed io ” sempre 3″ poi non contento dopo aver pesato la roba, voleva ripesarla un’altra volta, e di nuovo la solfa dei numeri. Per comprare 3 cose ci stavo 10 minuti, al che ho cambiato negozio 😁😁

  7. marisasalabelle ha detto:

    Be’, se è per questo ci sarebbe anche la commessa della gastronomia…. “Vorrei un etto di prosciutto.” “Un etto di cosa?” “Prosciutto.” “E quanto ne voleva?”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...