Color color color…

Dopo un mese di zona rossa per la provincia di Pistoia, mentre il resto della Toscana se la spassava in arancione, speravamo di scalare colore anche noi, ma è stata invece l’intera regione ad arrossire. Strabilianti le proteste degli amministratori locali. Il presidente Giani, dopo aver distribuito vaccini a tutti fuorché a chi li doveva dare, dopo aver millantato la permanenza in arancio con parole del tipo: ce l’abbiamo fatta, resistiamo, non ci strapperanno dalla zona arancione, ci difenderemo con le unghie e con i denti, si è stracciato le vesti annunciando la sconfitta. A Pistoia il sindaco Tomasi ha protestato contro quella che a lui sembra una palese ingiustizia: coi sacrifici che abbiamo fatto! Pistoia ha fatto la sua parte, ora tocca ad altri!

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Color color color…

  1. Austin Dove ha detto:

    anche noi
    zona rossa da mo

  2. Olga ha detto:

    Anche Friuli è arancione,che ci vuoi far!

  3. wwayne ha detto:

    Giani dovrei vederlo come il fumo negli occhi. Un po’ perché ideologicamente siamo agli antipodi, un po’ perché (ideologie a parte) i numeri lo inchiodano: la Toscana è una delle peggiori regioni italiane per quanto riguarda le vaccinazioni agli over 80. E invece lo adoro. Un po’ perché ho ancora nelle vene l’euforia che mi scatenava ogni volta che asfaltava Conte, un po’ perché con le vaccinazioni AstraZeneca è stato al contrario tra i più lesti di tutti, e di questa sua destrezza ho beneficiato anch’io.

    Dal profondo della notte che mi avvolge,
    nera come un pozzo che va da un polo all’altro,
    ringrazio Dio e i toscani che lo votarono
    per averci donato Giani.
    Nella stretta morsa delle avversità
    non si è tirato indietro né ha gridato.
    Sotto i colpi d’ascia del covid
    il suo capo è sanguinante, ma indomito.
    Oltre questo luogo sempre più vaccinato
    lui riuscirà a respingere l’orrore delle ombre.
    Eppure la minaccia del virus
    Lo trova, e lo troverà, senza paura.
    Non importa quanto stretto sia il passaggio,
    quanto piena di castighi la vita,
    perché lui proteggerà il nostro destino:
    per questo Giani è il capitano della mia anima.

    • marisasalabelle ha detto:

      Sinceramente, non so come tu riesca a entusiasmarti per Giani, che è un grigio uomo d’apparato, che ora, da quando è diventato presidente di regione, fa il bullo a tutto spiano e ha dato una pessima prova per quanto riguarda le vaccinazioni. Capisco che tu ti rallegri perché ha dato a te la possibilità di vaccinarti (cosa che comunque viene fatta anche nelle altre regioni) ma non bisogna guardare solo ai propri stretti interessi!

      • wwayne ha detto:

        Se lo dice così fa sembrare che io sostenga Giani per egoismo, quando invece è gratitudine.
        Anche l’espressione con cui definisce il suo atteggiamento battagliero (“fare il bullo”) non gli rende giustizia: se polemizzava a tutto spiano con Conte lo faceva soprattutto perché l’ex premier non governava bene. E anche perché additare Conte era un modo per far sì che la rabbia popolare investisse solo lui e non anche i governatori locali: non sono così cieco da non vedere anche questo tornaconto personale.
        Quali che fossero le sue motivazioni, per Conte Giani è stato una spina nel fianco, perché lo criticava in modo pacato e razionale, senza lasciarsi andare ai toni da operetta di De Luca o a quelli sguaiati di Salvini: questo da un lato lo rendeva un oppositore credibile, dall’altro impediva a Conte di liquidarlo come un disturbatore qualsiasi.
        Grazie di esistere, Eugenio il Magnifico.

  4. quarchedundepegi ha detto:

    Mi dispiace per Pistoia, ma, da come vanno le cose, mi dispiace per tutta l’Italia e per gli italiani… che non si meritano un banchiere come governante.
    Buon Pomeriggio.
    Quarc

  5. wwayne ha detto:

    https://www.iltempo.it/esteri/2021/03/28/news/immunita-gregge-covid-europa-data-14-luglio-commissario-ue-breton-passaporto-vaccinale-26701207/
    Sarebbe già troppo azzardato stabilire una data precisa per la fine delle vaccinazioni in un singolo stato, dato che sono affidate in larga parte ai governi locali. Stabilire una data precisa addirittura per l’intera Europa mi sembra una vera e propria follia.
    Tra l’altro c’è da sottolineare che Breton è francese, e ha scelto come data di fine dell’incubo proprio il giorno della presa della Bastiglia: questo rafforza la mia impressione che si tratti di un esaltato.

  6. Paolo Popof ha detto:

    Il federalismo sanitario è un fallimento, spero che il covid dia impulso ad una riforma che riporti indietro le lancette sanitarie.

  7. marisasalabelle ha detto:

    Sì, si è dimostrato una vera follia. E tutto per andar dietro alle sparate della Lega…

  8. Io vivo in Piemonte e sono in zona in rossa 😪
    Ti capisco perfettamente e ti mando un abbraccio virtuale 😘

  9. eleonorabergonti ha detto:

    Lombardia: ancora zona rossa.

  10. marisasalabelle ha detto:

    Quasi tutto è zona rossa!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...