New morality

La nuova moralità non riguarda più i comportamenti sessuali, se l’hai fatto fuori o dentro il matrimonio, se hai usato il preservativo, se prendi la pillola, se indulgi a quello che quando ero bambina era chiamato “il vizio solitario”. Certo, a condizione che tu sia etero, perché per molti l’omosessualità è ancora un tabù. La nuova moralità non si interessa nemmeno del fatto che tu dia a Cesare quel che è di Cesare o che paghi la giusta mercede ai lavoratori. La nuova moralità ha come oggetto solo e soltanto il rispetto delle norme anticovid.

«Ho visto l’Adelina! Santo cielo, che scandalo!»

«Perché? Cosa faceva?»

«Era senza la mascherina!»

«Nooo, non ci posso credere. E così… davanti a tutti?»

«In mezzo alla strada, ti dico! Del resto, Giampaolo…»

«Dimmi, dimmi!»

«L’ho incontrato al bar… si era scoperto la bocca per bere il caffè e… mio Dio, non riesco a dirlo!»

«Forza! Che sarà mai?»

«Ha starnutito!»

«Per la miseria! Questa è grossa davvero! Ma hai saputo della Fedora?»

«Cosa?»

«Ah, è davvero uscita di testa! E io che la consideravo una donna perbene!»

«Che ha fatto?»

«Esce di casa tutti i giorni!»

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

25 risposte a New morality

  1. Giuseppe La Mura ha detto:

    😀 bellissimaaa … buongiorno

  2. marisasalabelle ha detto:

    Buongiorno a te! 🙂

  3. quarchedundepegi ha detto:

    Già, già… per fortuna che posso stare ancora con mia moglie senza mascherina.
    BUONGIORNO.
    Quarc

  4. wwayne ha detto:

    Io conto coloro che non mettono la mascherina ogni volta che esco per andare a lavorare (escludendo chiaramente chi l’ha abbassata solo temporaneamente, come quelli che stanno bevendo un caffè o fumando una sigaretta). Arrivo quasi sempre in doppia cifra, e questo la dice lunga su quanto sia poco diffuso l’uso della mascherina.
    Escludo che questo sia dovuto all’insofferenza per la mascherina in sé: quella azzurra è veramente poco invasiva, non preme sul volto né rende difficoltosa la respirazione come la FFP2. A mio giudizio è proprio l’insofferenza per le regole tipica dell’italiano medio. Nel caso dei giovani poi si aggiunge la tendenza tipica di quell’età a sentirsi invincibili, e a vedere qualsiasi pericolo come qualcosa di lontanissimo da sé. Non capiscono che invece il covid morde con grande facilità, e può affondare i denti in maniera molto dolorosa anche sui giovanissimi. Questa storia lo dimostra in maniera molto chiara:

  5. marisasalabelle ha detto:

    Come ho detto nella risposta a Elena, non contesto le regole, le osservo, non al cento per cento, perché dopo un anno è davvero difficile rispettarle al cento per cento. La mascherina la porto, ma se per esempio sono in una strada dove non c’è nessuno me la levo perché comunque mi fa piacere respirare l’aria. A Pistoia, quando vado in giro io, vedo che la maggior parte della gente la porta, non frequento posti dove si creano assembramenti, ma so che ce ne sono, però in linea generale le persone si comportano responsabilmente. Giovani senza mascherina se ne vedono, questo sì, e so che hanno torto, del resto i giovani hanno una fisiologica necessità di trasgredire, non possono tirar tardi la sera, sono passate di moda le gare suicide in automobile à la James Dean, non gli resta che abbassare la mascherina…

    • wwayne ha detto:

      La volontà di trasgredire non può essere tollerata quando ha delle conseguenze potenzialmente fatali per gli altri. E anche la giovane età è un alibi al quale credo molto poco. Una delle Bestie di Satana era minorenne, e lo stesso vale per la coppia omicida di Novi Ligure: in base al ragionamento di chi dice “So’ ragazzi”, avrebbero dovuto cavarsela con qualche scappellotto e la promessa di non farlo più. E anche quando non arrivano a compiere degli atti così estremi, gli adolescenti sono già capacissimi di distinguere il giusto dallo sbagliato, e quindi non devono essere giudicati con la stessa indulgenza dei bambini.

      • marisasalabelle ha detto:

        Non intendo giustificare, infatti premetto che hanno torto, ma solo proporre un’interpretazione. Aggiungo che molti dei nuovi moralisti censurano comportamenti che non sono né vietati né così scandalosi.

  6. Nonna Pitilla ha detto:

    È proprio vero! Bravaaa

  7. 🤦🏼‍♀️ new morality 😆

  8. Stef555 ha detto:

    Il virus non ammette troppo indulgenze e credo che il chiuso/aperto tra i virologi (e le tante sub specializzazioni) alimenta supposizioni. Però il post è fantastico nella sua ironia e piacevolezza di lettura.

  9. marisasalabelle ha detto:

    Grazie! Mi piace fare un po’ di ironia, anche se so bene che il virus non è da prendere sottogamba: però neanche certi comportamenti ossessivi mi piacciono!

  10. Alidada ha detto:

    ma daiiii…mi fai morir dal ridere 😀

  11. Massi Tosto ha detto:

    Ognuno può fare ciò che vuole se rispetta gli altri , quindi oggi se non è da solo deve mantenere distanza e tenere la mascherina , più o meno , quanto siamo lontani invece dal rispettare i gusti sessuali degli altri anche quando e soprattutto quando non ci riguardano (così per dire) ….

  12. marisasalabelle ha detto:

    Hai perfettamente ragione!

  13. Paolo Popof ha detto:

    Ecco perchè non si dice più “ma mi prende per il naso?”, troppo provocatorio 😉

  14. marisasalabelle ha detto:

    Almeno i sederi non si toccano direttamente… 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...