L’importanza dell’incoraggiamento

Quando mi sono svegliata, stamattina, nevicava. Poche cose sono ipnotiche come veder scendere la neve, così mi sono messa alla finestra a guardare i fiocchi che si staccavano da quel cielo color gesso e venivano giù, calmi, senza far rumore. Facevo il tifo per loro. Lo so che “la neve è bella in montagna ma in città è solo un rompimento di coglioni”, ma è più forte di me: quando vedo nevicare, non posso fare a meno di sperare che attacchi, che si posi e rivesta di bianco ogni cosa, gli alberi e le macchine e i tetti delle case. Poi niente, sono andata a farmi il bagno, e la neve, senza il mio silenzioso incoraggiamento, ha smesso di cadere.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a L’importanza dell’incoraggiamento

  1. Nonna Pitilla ha detto:

    che bello! sì la neve è bella vederla cadere anche in città, meno bella poi se devi ucire!

  2. wwayne ha detto:

    Ricordo che una sera del Dicembre 2010 mia nonna mi aveva avvisato: “Non uscire domani, perché hanno previsto una grossa nevicata”. Io però avevo una lezione universitaria dalle 9 alle 11, quindi non potevo seguire il suo consiglio. La neve cominciò a cadere proprio mentre tornavo a casa (quindi tra mezzogiorno e l’una), e non era solo qualche fiocco: fu una nevicata molto fitta e lunga, che ricoprì tutto nel giro di poche ore. Io potei godermela dal calduccio di casa mia, ma chi fu costretto a usare la macchina passò una giornata da incubo. E infatti nei giorni successivi tutti quelli che conoscevo raccontarono come l’avevano trascorsa con i toni epici di chi si sentiva sopravvissuto ad una terribile bufera. Anche l’anno scorso ad un cena tra colleghi siamo finiti a parlare di come ciascuno di noi aveva passato quel giorno.
    Come avrà intuito, trovo esagerati e ridicoli i toni enfatici con cui ho sempre sentito parlare di quella nevicata. Tuttavia, ammetto che potrei pensarla così solo perché ho avuto la fortuna di poter tornare a casa giusto in tempo: magari, se fossi rimasto anch’io bloccato per ore in mezzo al gelo e senza nessuna certezza su quando sarei potuto tornare a casa, adesso parlerei di quel giorno con un’enfasi ancora più accentuata. A maggior ragione se consideriamo che sono molto freddoloso.

    • marisasalabelle ha detto:

      Guarda, ricordo benissimo quella nevicata. Mio marito tornava da un viaggio di lavoro, il suo aereo doveva atterrare a Peretola ma fu dirottato a Bologna, poi i passeggeri furono messi su un autobus che ci mise ore a percorrere l’autostrada; rischiavano di rimanere bloccati per tutta la notte quando all’altezza di Barberino, dove abitava il collega di mio marito, lui e il collega scesero e fecero a piedi il raccordo autostradale, arrivarono a casa, l’amico di mio marito riuscì a portarlo non so come alla più vicina stazione ferroviaria dove prese il treno e arrivò a casa a notte fonda… Il giorno dopo mia figlia e una sua amica avevano un volo per Londra ma la ferrovia per Bologna era interrotta: funzionava però la Porrettana a riuscirono lo stesso a partire mentre il giorno dopo ancora il volo di mio figlio, anche lui andava a Londra, fu soppresso… quindi, be’, un po’ epica lo è stata…

      • wwayne ha detto:

        Aggiungo che quel giorno compresi fino in fondo le parole di Lucrezio:

        È dolce, mentre nel grande mare i venti sconvolgono le acque, guardare dalla terra la grande fatica di un altro; non perché il tormento di qualcuno sia un giocondo piacere, ma perché è dolce vedere da quali mali tu stesso sia immune.

        Comunque questa Sua risposta potrebbe diventare un post: ci pensi! 🙂

  3. In questo momento ne abbiamo proprio tanta qui… 🙂

  4. marisasalabelle ha detto:

    Per forza! Voi con la neve giocate in casa!

  5. eleonorabergonti ha detto:

    La neve che cade è sempre uno spettacolo magico, 😍.

  6. Io la adoro, anche se in città crea qualche disagio. La mia componente familiare montagnina viene fuori così…..

  7. marisasalabelle ha detto:

    Anche a me piace molto, non so se si era capito…

  8. maxilpoeta ha detto:

    è sempre una candida magia vedere la neve, torniamo sempre bambini in quei momenti. Qua è caduta solo il 28 di dicembre, evento che ho raccontato in una mia narrazione poco tempo fa….

  9. marisasalabelle ha detto:

    La nevicata sul mare… bellissima!

  10. Alidada ha detto:

    ma allora da qualche parte la neve è caduta.. e io ieri che ci scherzavo con le previsioni meteo 😀

  11. marisasalabelle ha detto:

    Be’, da noi ci ha solo provato, ma in collina e in montagna ne è venuta tanta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...