Natale blindato

Questa è la prima immagine natalizia che ho visto stamattina aprendo il sito Repubblica.it.

No, non sarà un buon Natale. L’atmosfera è cupa, opprimente. Abbiamo superato i 70.000 morti per Covid, siamo nel mezzo di una girandola di permessi e divieti della quale non si capisce nulla, “dopo le vacanze saremo tutti in zona gialla”: permettetemi di dubitarne. Intanto 70.000 militari stanno blindando le nostre città, nelle loro tute mimetiche e magari col mitra in pugno, per controllare che osserviamo alla perfezione le regole bizantine che ci hanno imposto. Non è vero che la pandemia ci ha reso o ci renderà migliori, non è vero che le restrizioni ci faranno scoprire il senso autentico del Natale. Siamo sempre i soliti, con in più quell’esasperazione e, in molti casi, quell’incattivimento che un anno terribile ci ha regalato.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

19 risposte a Natale blindato

  1. quarchedundepegi ha detto:

    È vero… ci hanno reso più cattivi e sospettosi.
    Buon Natale a te.
    Quarc

  2. marisasalabelle ha detto:

    Buon Natale nonostante tutto!

  3. Ehipenny ha detto:

    Condivido, migliori non lo siamo di certo, e non posso dirlo nemmeno di me stessa, ma del resto non poteva essere altrimenti… Proviamo a chiudere gli occhi e goderci quel poco che abbiamo, autentico o non autentico che sia, e a dopo le feste ci penseremo più avanti. Anche se è difficile, qualcosa di buono, chissà dove, ancora c’è ❤

  4. Non sono tempi sereni, e non lo saranno ancora per un bel pezzo. Stringiamoci almeno attorno all’idea che dopo il temporale torna il sereno. Buon Natale

  5. Enri1968 ha detto:

    Che devo dirti? Forse se tutti avessero rispettato le regole o aver avuto meno frenesia, non saprei. Buone feste.

  6. marisasalabelle ha detto:

    Non so… secondo me ci sono tre variabili: la prima e più importante è la natura del virus, che va dove vuole e fa quel che gli pare; secondo, ci sono i provvedimenti presi dai vari governi, che hanno aiutato a contenere o viceversa sono stati insufficienti; al terzo posto ci vedo i comportamenti individuali, che hanno certo importanza, ma non decisiva.

    • chiccoconti ha detto:

      Per formazione sono sempre propenso a immaginare che la responsabilità (ma non la “colpa”) di quanto mi accade sia in primis mia: preferisco questo al fatalismo o allo scaricare su altri i risultati della mia vita. Non tutto, ovviamente: esiste il caso, esistono le azioni degli altri. Ma prima di tutto mi chiedo se io ho fatto il possibile per. E, come sempre, e banalmente, se tutti facessimo il nostro, saremmo a posto. Virus o non virus! Detto questo, auguriamoci tutti un periodo quanto meno sereno: ce lo meritiamo! Auguri, e grazie per le tue pillole quotidiane!

  7. wwayne ha detto:

    La foto è sensazionalistica, nel senso che induce a credere che le città siano state militarizzate apposta per il Natale, quando invece lo sono 365 giorni l’anno. Negli ultimi anni non mi è mai capitato di andare a Firenze senza vedere soldati col mitra sia alla stazione di Santa Maria Novella che in piazza Duomo. Può darsi che adesso lo stato li abbia piazzati anche in qualche altro posto, ma non è una situazione molto diversa da quella consueta.
    Sempre su Repubblica.it leggo che dal 7 Gennaio le scuole superiori ricominceranno a fare il 50% delle lezioni in presenza: poiché queste lezioni saranno “spalmate” su mattina e pomeriggio, verranno notevolmente alzati gli stipendi dei bidelli. Questo dettaglio mi ha fatto molto piacere: non per i bidelli, ma perché significa che il governo ha finalmente abbandonato la sua irritante tendenza a cercare sempre soluzioni a costo zero (in ogni campo, non solo in quello scolastico).

  8. marisasalabelle ha detto:

    Sì, lo so che l’immagine è di repertorio, e so anche che l’esercito da anni staziona armato nelle città, cosa che personalmente non mi rende felice; tuttavia è significativo che la foto sia stata scelta come immagine d’apertura e che comunque 70.000 militari siano stati mobilitati per controllare dove andiamo, con chi e a che ora! Buon Natale a te!

  9. luisa zambrotta ha detto:

    No, la pandemia non ci ha resi migliori
    … però, nonostante tutto, ti auguro un sereno Natale

  10. maxilpoeta ha detto:

    anche se blindato, tantissimi Auguri di Buon Natale… 😉

  11. marisasalabelle ha detto:

    Grazie, altrettanto!

  12. eleonorabergonti ha detto:

    Buon Natale (in ritardo) e speriamo che quello dell’anno prossimo sia molto diverso da quello di quest’anno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...