Natale con i tuoi

Natale non sembrerà Natale senza regali, disse Jo, e Giuseppe fu subito d’accordo. Perciò promise agli italiani che avrebbero avuto dieci giorni giusti giusti per fare shopping. Rischio di assembramento? Calca? Persone calpestate dalla folla incalzante? Ma no, gli italiani sono gente di buon senso, entreranno disciplinatamente nei negozi, compreranno un piccolo presente di buon gusto ma senza strafare, poi torneranno a casa e lo metteranno sotto l’albero. La sera della vigilia ciascuno potrà invitare a casa un solo parente di primo grado, ma non dovrà abbracciarlo né baciarlo, ci saranno droni che pattuglieranno i cieli per riprendere, dalle finestre illuminate, eventuali comportamenti trasgressivi. Sarà un Natale di raccoglimento e di riflessione, molto spirituale: non sarà permesso giocare a tombola anche perché si tratta di un gioco che richiede un numero abbastanza elevato di partecipanti. Gli angeli in cielo canteranno Gloria e dispiegheranno striscioni inneggianti alla nascita del Bambin Gesù. Dal 26 dicembre ricomincerà la quarantena.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a Natale con i tuoi

  1. luigi prestipino ha detto:

    Hai notizie riguardo la calza della befana?

  2. La Dona ha detto:

    Mi diverto quando sento la nostra classe politica elogiare il comportamento degli italiani. Credo si tratti di una sorta messaggio subliminale esorcizzante nei confronti del lavaggio del cervello che cerca di fare la destra. Non riscontro tutto questo comportamento esemplare negli italiani…sono certa che di questa situazione non ci libereremo facilmente se non entriamo nel ” mood”( come dicono i miei ragazzi) Natale sobrio, con un unico preziosissimo regalo gli uni agli altri: tutelarci dal rischio.
    Dal canto mio più che mai sento che questo sarà un vero Natale. Di riflessione, di amore e di speranza.

  3. marisasalabelle ha detto:

    Spero che tu abbia ragione… e speriamo di venir fuori il prima possibile da questo brutto incubo!

  4. wwayne ha detto:

    La penso esattamente come Lei: c’è un business troppo grande attorno al Natale per prolungare la serrata fino ad allora, quindi per far ripartire i consumi faranno cadere ogni restrizione almeno 10 giorni prima. Questo anche se la curva dei contagi (ormai stabilizzata sui 30.000 nuovi casi al giorno) dovesse rimanere tale e quale fino ai primi di Dicembre.
    Concordo con Lei anche quando dice che, passata la sbornia del Natale (e aggiungo del Capodanno e della Befana), Conte ci schianterà sicuramente sul capo un terzo lockdown. Naturalmente attribuirà la colpa di quest’ennesima quarantena non alla sua decisione di riaprire tutto a Dicembre, ma a noi italiani che siamo stati troppo sguaiati e irrispettosi delle regole anti – covid durante le feste.
    Sarà possibile evitare un terzo lockdown a Gennaio solo se Arcuri riuscirà a mantenere la sua promessa di distribuire 1.700.000 di vaccini proprio in quel mese. Il fatto che abbia fornito un numero così preciso fa presupporre che siano già stati sottoscritti degli accordi, ma stranamente Conte non ha pubblicizzato la firma di nessun contratto. Delle due l’una: o l’accordo è puramente verbale, o Arcuri ha sparato un numero a caso. Spero che non sia giusta l’ultima ipotesi, perché sarebbe gravissimo.

    Giani odia Conte.
    Chi odia Conte ama l’Italia.
    Chi ama l’Italia sta con Giani.

  5. marisasalabelle ha detto:

    Da un lato è comprensibile che si voglia far ripartire un po’ i consumi, non dimenticare che dicembre è per quasi tutti gli esercizi commerciali il mese di gran lunga più importante; d’altra parte tutta questa messinscena della curva dei contagi che “non sta scendendo ma se la guardiamo con molta attenzione dà segnali incoraggianti”, questo parlare di “tregua” per lo shopping, e poi i consigli moralisti su come passare i giorni festivi, dopo aver compiuto il sacro dovere di comprare… insomma, il tutto è alquanto stomachevole!

    • wwayne ha detto:

      Nel momento in cui si usano 21 indicatori per stabilire se le cose vanno bene oppure no, è molto facile trovarne almeno uno che dia segnali incoraggianti. Ma per me l’unico segnale davvero incoraggiante è che Conte sia sempre più solo al comando: quando hai contro buona parte del popolo e dei governatori locali, è chiaro che il tuo destino politico è appeso a un filo. La mia sensazione è che finita l’emergenza sanitaria al governo Conte verrà staccata la spina, ma può darsi che gli venga concesso un altro anno di vita: nel 2022 c’è da eleggere il presidente della Repubblica, e la sinistra ha una tale paura che venga scelto un sovranista che potrebbe anche decidere di rimanere incollata alla poltrona fino ad allora. Del resto, incollarsi alla poltrona e cospirare in ogni modo affinché gli italiani votino il meno possibile è una sua specialità.

  6. maxilpoeta ha detto:

    purtroppo questo Natale sarà molto diverso da quello degli scorsi anni, ma sono sicuro che nelle famiglie non tutti saranno ligi al dovere, chissà quanti pranzi di Natale con parenti, amici, etc, etc…
    Già ora lo vedo con le passeggiate, sono piene anche nei giorni feriali…

  7. marisasalabelle ha detto:

    Uscire a passeggio secondo me è innocuo, se si ha l’avvertenza di evitare i luoghi troppo affollati. Anzi, fa bene. Riguardo ai pranzi in famiglia, qualche timore ce l’ho, perché è proprio negli ambienti chiusi e dove si sta molto vicini che ci si può contagiare più facilmente. D’altra parte è vero che molte persone non vorranno fare a meno di festeggiare il Natale o la fine dell’anno…

  8. chiccoconti ha detto:

    Mi sembra che la situazione non sia facile in nessuna parte del mondo, che nessun paese abbia trovato una ricetta che accontenti tutti. Troppe sono le cose da tenere in equilibrio e per forza qualcuna casca. Questo non significa un’accettazione aprioristica di qualunque decisione governativa ma la triste constatazione che si tratta di situazione grave e le cui vere ripercussioni saranno tremende. Ogni parte in gioco cerca di sfruttare la cosa a suo vantaggio con un gioco delle parti spiacevole ma che stupisce nessuno. Perché se il governo è certamente in difficoltà e inadeguato non mi si dica che l’opposizione (che troppo spesso strizza l’occhio al negazionismo) stia collaborando o mostrando senso di unità… Suvvia. Dal mio punto di vista sono convinto che le misure di buon senso sanitario siano logiche ed efficaci… Il resto sono chiacchiere da bar

  9. marisasalabelle ha detto:

    Sì, le differenze tra chi ha messo in campo misure più rigide e meno rigide alla fine sono modeste… la pandemia colpisce tutto il mondo, e ogni Stato reagisce a modo suo. Sicuramente il nostro governo errori ne ha fatti tanti… ma l’opposizione non si comporta certo meglio!

  10. Paola Bortolani ha detto:

    Ho letto tutto, ma mi aggancio all’ultima, saggia osservazione: il governo ha fatto tanti errori, l’opposizione ne ha fatti di più, e molti, troppi italiani hanno fatto, fanno e vogliono fare il c…o che vogliono. Amen. Vedremo con i vaccini come andrà

  11. marisasalabelle ha detto:

    Non ci resta che stare a vedere…

  12. fulvialuna1 ha detto:

    Il caos del vogliamo far vedere che qualcosa si muove ma come pare a noi….mi girano davvero. Natale o no.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...