A tradimento

Quando sua madre ricominciò a lavorare, il bambino iniziò a passare molto tempo con la nonna. Be’, la nonna gli era simpatica, perciò ok, aveva delle tette da cui non usciva latte, ma pazienza. Poi ci fu l’inserimento all’asilo nido: una figata, con un mucchio di giochi e tanti bambini come lui e tate coccolone. Qualche volta capitava che la mamma dovesse lavorare mattina e pomeriggio, quindi mattina al nido e pomeriggio con la nonna, ma ci poteva ancora stare. Ma quando la nonna, a tradimento, lo portò a casa della bisnonna, fu troppo. Aveva esagerato. Non pensava mica di mollarlo alla vecchietta? Scoppiò in un pianto disperato.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a A tradimento

  1. Paola Bortolani ha detto:

    Però che bello avere una bisnonna!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...