Il giorno

Traffico molto intenso, a Pistoia, questa mattina. Auto in coda in direzione delle principali librerie della città. Persone in fila sui marciapiedi, ingressi contingentati, copie distribuite a ritmo serrato. Per le strade del centro, la gente cammina col naso nel libro, siede ai tavolini dei bar e legge mentre beve un caffè, alla fermata dell’autobus i passeggeri perdono la corsa perché immersi nella lettura non si accorgono che il loro numero è arrivato. Anche al supermercato mentre attendono al banco della gastronomia le massaie sbirciano il volume nascosto nella borsa rallentando notevolmente il servizio.  A quanto pare lo stesso fenomeno si registra in tutte le altre città italiane, è un tripudio, un successo annunciato, Gli ingranaggi dei ricordi si accinge a superare tutti i record di vendite e di gradimento!

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Il giorno

  1. wwayne ha detto:

    Ricordo che una situazione di questo tipo si presentò davvero quando uscì un libro di Giorgio Faletti, Niente di vero tranne gli occhi. Il suo libro precedente (Io uccido) aveva avuto un successo strepitoso, quindi l’attesa era spasmodica, ed era difficile trovare una copia anche ordinandola in prevendita. Alla fine ne ottenni una quando lui stesso venne a fare un firmacopie in una libreria fiorentina (quella in piazza della Repubblica). Nonostante fosse un’enorme libreria a 2 piani, non riusciva comunque a contenere tutti i lettori accorsi per lui, e quindi fummo costretti a riversarci in strada. Io alla fine mi stancai di aspettare, quindi chiesi ad una cassiera se poteva far firmare il libro al posto mio e mettermelo da parte. Il romanzo mi piacque moltissimo e lo conservo tuttora, su uno scaffale dove tengo tutti i libri con dedica dell’autore o di chi me li ha regalati. Su quello scaffale c’è anche “L’ultimo dei Santi”. 🙂

  2. Nonna Pitilla ha detto:

    Bellissimo! L’autoironia è la cosa più gradevole che ci sia!

  3. marisasalabelle ha detto:

    Non bisogna mai prendersi troppo sul serio!

  4. Ahah! 🙂 Te lo auguro, Marisa!

  5. Paola Bortolani ha detto:

    Perchè no? Siamo tutti con te 🙂

  6. fulvialuna1 ha detto:

    Post gradevolissimo! Però sarebbe bello, la lettura su cartaceo andrebbe riscoperta.

  7. marisasalabelle ha detto:

    Sono i miei sogni ad occhi aperti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...