Banchi

E ora, tutti che segano in due i banchi a due posti per ricavarne due banchi monoposto. Posso esprimere i miei dubbi sulla veridicità di questa notizia che rimbalza sui social? I banchi a due posti, in tutte le scuole del mondo o quasi, sono fatti così. C’è un piano in formica, solitamente di colore verde chiaro. Sotto il banco c’è una struttura in ferro che fa da contenitore per libri e oggetti vari e da sostegno per le zampe, che sono ovviamente quattro. Ne deduco che per ottenere due banchi monoposto da un banco a due posti bisognerebbe: staccare il supporto, segare il ripiano di formica, procurare quattro nuove zampe per ogni superficie dimezzata e rimontare il tutto. Mi domando quale possa essere l’utilità o il vantaggio di una simile, folle operazione.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Banchi

  1. Boh… ai miei tempi i banchi erano singoli e se dovevi chiedere anche un pennarello prima domandavi al maestro.

  2. marisasalabelle ha detto:

    Attualmente nelle scuole sono presenti sia banchi singoli che a due posti. Sicuramente è necessario acquistarne di nuovi, mentre ho molti dubbi su questa strana operazione di bricolage di cui ho letto su diversi media…

  3. wwayne ha detto:

    Ai tempi d’oggi invece succede questo:

    • marisasalabelle ha detto:

      Be’, questo è un vecchio video… e comunque secondo me alunni maleducati ce ne sono sempre stati

      • wwayne ha detto:

        Vecchio fino a un certo punto, dato che risale a 2 anni fa. Comunque è vero che la maleducazione è vecchia come il mondo, ma è altrettanto innegabile che rispetto ai tempi in cui si chiedeva il permesso anche per prendere in prestito un pennarello c’è stato un bel regresso.
        Di questo a mio giudizio ha colpa non soltanto la scuola, ma anche la famiglia. Molte persone hanno fatto un figlio soltanto perché, arrivate ad una certa età, l’hanno vista come una tappa fondamentale per una piena realizzazione personale: di conseguenza, non essendo animate da motivazione profonde, queste persone si rivelano poi dei pessimi genitori. Lasciano crescere i propri figli come animali allo stato brado, li affidano sistematicamente alle cure di mamma tv e papà cellulare, sono sempre intenti a studiare nuovi modi per toglierseli dai piedi.
        Con questi presupposti, è inevitabile che sia venuta fuori una generazione alla quale non è mai stata garantita una vera educazione, escluso qualche giovane che ha avuto la fortuna di crescere con dei genitori sani o di trovare un buon surrogato che lo educasse al posto loro (i nonni, l’allenatore, l’insegnante di catechismo eccetera).
        Nel caso del video che ho caricato comunque mi pare che ci sia anche un’evidente incapacità del professore di gestire la classe. Difficilmente un alunno arriva a mancare di rispetto in maniera così profonda tutto d’un botto: di conseguenza, se quel ragazzo è arrivato al punto di dirgli “Si inginocchi”, vuol dire che prima di allora il suo professore gliene aveva fatte passare molte altre senza mai punirlo. E quando dai corda ad un ragazzo maleducato, poi le conseguenze sono queste. Fermo restando che alcuni ragazzi sarebbero incapaci di comportarsi in maniera educata anche con una pistola alla tempia, per il motivo che ho detto prima: l’educazione non sanno neanche cosa sia, perché non gli è mai stata insegnata.

  4. OLga ha detto:

    L’ha ripubblicato su friulimultietnicoe ha commentato:
    Ma che spesa…

  5. marisasalabelle ha detto:

    Ho letto che invece che 35 euro a banco se ne spenderanno 34… col risparmio di un euro… ma va detto che io credo sia una bufala, non può essere vero! Anche la stupidità ha un limite!

  6. Nonna Pitilla ha detto:

    io penso proprio che sia una bufala! passato il virus li incollano?

  7. Le abbondanti chewing gum attaccate sotto alla tavola superiore rendono peraltro impossibile segarlo 😂

  8. lallaerre ha detto:

    la faccenda delle zampe è stata la prima cosa che ho pensato quando ho letto questa idiozia dei banchi segati. Probabilmente è un fake. Se non lo è fa il paio con la pista ciclabile sullo stretto di Messina…

  9. marisasalabelle ha detto:

    e i negozi dove fare shopping, i ristoranti e i parchi giochi sul ponte di Genova (come farneticava il buon Toninelli)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...