Jacopina

download

Oggi è San Jacopo, il patrono di Pistoia. Niente fuochi d’artificio, quest’anno, niente Giostra dell’Orso, in ottemperanza alle norme anti-Covid, ma sfilate in costume medievale quante se ne vogliono, con questo caldo, signora mia. Del resto anche il Santo, sulla facciata del Duomo, se ne sta come ogni anno vestito col suo mantello rosso a patire il caldo, perciò possono patirlo anche i figuranti, coi loro abiti di pesante velluto rosso o verde e la testa cinta di elaborati copricapi. Per non far passare troppo sotto silenzio la festa patronale, un assessore pistoiese ha avuto un’idea, cioè quella di lanciare una focaccia a forma di conchiglia di San Giacomo, subito battezzata Jacopina. La Jacopina è fatta di frumento integrale, si può farcire con qualsiasi sostanza commestibile e soprattutto è già in dirittura per diventare il nuovo prodotto tipico pistoiese, simbolo dei pellegrini che percorrono la Via Francigena e il Cammino di Santiago. Lanciata una settimana fa, e già tipica. Quando si dice il potere della tradizione.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, virus e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Jacopina

  1. luisa zambrotta ha detto:

    … come hai notato, è anche la festa di San Cristoforo, santo declassato
    Buon sabato, cara Marisa

  2. marisasalabelle ha detto:

    Leggo su Wikipedia che la ricorrenza di San Cristoforo è stata rimossa dal calendario… 😦

  3. poetella ha detto:

    il mio papà era molto seccato della rimozione, chiamandosi appunto Cristoforo… poi se ne fece una ragione, anche perché noi continuavamo comunque a festeggiarlo! 😉

  4. elenaelaura ha detto:

    Chissà che bontà!😋

  5. Nonna Pitilla ha detto:

    Potenza della tradizione o potenza della focaccia! Non ho molta dimestichezza coi santi così ho imparato una cosa nuova!

  6. marisasalabelle ha detto:

    Quello che mi fa ridere, e che forse non ho saputo esprimere con chiarezza, è che un assessore (non una cuoca, una madre di famiglia, un panettiere) si è inventato una focaccia e che la stampa locale la spaccia tranquillamente per “prodotto tipico” e “tradizione”…

  7. Alidada ha detto:

    siamo vicine di casa, io sono pisana

  8. marisasalabelle ha detto:

    Sebbene tra pistoiesi e pisani non scorra buon sangue… 😉 Io però non sono pistoiese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...