Due pesi due misure

In biblioteca, quando riporti dei libri, l’impiegato non li tocca: devi dire il titolo, che lui depenna dal sistema, e poi li devi depositare in una cesta. Prima di essere rimessi in circolo saranno tenuti in quarantena per due settimane. Due settimane! I libri! Ma certo: chi è che non usa le pagine di un libro preso in prestito alla biblioteca per soffiarsi il naso, chi è che non ci tossisce, starnutisce e sputazza dentro?
Invece i libri che prendi in prestito il bibliotecario li afferra con le sue manine sante, igienizzate alla perfezione, sulle quali mai pericolosa droplet si posò, li mette sul bancone, sul quale il cliente che ti ha preceduto ha appoggiato le sue manacce luride, poi te li passa con grande sprezzo del pericolo.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, leggere, virus e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Due pesi due misure

  1. Alessandro Gianesini ha detto:

    😀

  2. poetella ha detto:

    … ok. Fino al vaccino mi faccio bastare e mille e mille libri che ho. Ecco.

  3. chiccoconti ha detto:

    E che dire di quando sono andato all’ecocentro per buttare rifiuti metallici e macerie nei cassoni… E son dovuto tornare indietro perché non avevo i guanti? E dire che nessuno tocca i rifiuti li getti in totale autonomia e vengono poi fusi pestati frantumati???

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...