Il ritorno del figliol prodigo

Nel primo week end dopo l’apertura dei confini regionali torna a casa il figlio minore, confinato a Bologna per tre mesi. L’ultima volta che l’abbiamo visto portava i folti capelli castani riuniti in un piccolo chignon. E ora?
«Ti sei tagliato i capelli?» gli chiede il padre al telefono.
«Sorpresa», risponde enigmatico.
In famiglia si scommette sul suo aspetto: si sarà rasato completamente, avrà sciolto lo chignon e si sarà fatto crescere un barbone da talebano, si sarà fatto rasta…
E finalmente eccolo: capelli corti da scolaretto, faccia pulita, maglietta in buone condizioni, scarpe non bucate. Il figliol prodigo sta crescendo. O forse si è imborghesito?

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, virus e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Il ritorno del figliol prodigo

  1. Nonna Pitilla ha detto:

    ah ah forse sta soltando cercando la sua strada!

  2. recensioni53 ha detto:

    Quando si esce da una situazione pesante spesso si cambia aspetto…. È un modo reattivo di voltare pagina…..

  3. luisa zambrotta ha detto:

    Si sarà innamorato… 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...