Terzo giorno

Oggi tento di nuovo la sortita verso il supermercato. Lungo la strada incrocio un uomo che fa jogging, passa sbuffando e ansimando a 20 centimetri da me: tutta salute. Sul marciapiede opposto ci sono cinque persone (un Assembramento) che si stanno occupando di un cane bianco che sembra essersi perso. Cercano di capire chi sia e dove abiti, ma il cane non risponde. Mi chiedo se sarebbero altrettanto solleciti verso un anziano affetto da Alzheimer, ma c’è il fatto che il cane non porta contagio, l’anziano sì.
Al supermercato l’ingresso è contingentato ma non si entra più uno per volta, si viene ammessi a gruppetti di cinque-sei persone. Inevitabile la vicinanza nel momento dell’ingresso. Una voce all’altoparlante ci ricorda di non affollare le corsie e di mantenere una distanza di almeno un metro gli uni dagli altri, però le corsie sono larghe forse un metro e mezzo e basta incrociare un solo cliente o commesso per violare la zona di sicurezza. E fu sera e fu mattina, terzo giorno.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, virus e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Terzo giorno

  1. wwayne ha detto:

    Sul jogging ero stato profetico! 🙂 Riguardo al supermercato, fossi in Lei gli preferirei un piccolo negozio di alimentari: più ridotti sono gli spazi, meno avventori ci sono, e quindi meno possibilità ci sono che uno di loro si avvicini troppo a te prima che tu te ne accorga.
    Comunque ieri sera ho sentito al telegiornale che su 196 morti 149 sono lombardi. Ho ritenuto sbagliato sottolineare che 3 morti su 4 venivano dalla Lombardia, perché questo instilla nella mente delle persone l’idea per cui tutto sommato si tratta di un fenomeno circoscritto a quella regione: in realtà siamo tutti coinvolti, e se la Lombardia da sola conta il 75% dei morti è solo perché lì il virus si è diffuso molto prima.

  2. marisasalabelle ha detto:

    Può darsi che con queste misure di contenimento il virus non si diffonda nelle altre regioni quanto si è diffuso in Lombardia. Almeno, questo è ciò che sperano medici e governo che hanno deciso di seguire la via del contenimento. La bottega più vicina a casa mia è il supermercato conad…

  3. luisa zambrotta ha detto:

    Questo momento mi sta mettendo un’ansia …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...