In visita

Quando ero piccola si andava “in visita”. Era un rito che si celebrava un paio di volte l’anno, proprio per le feste o altre occasioni solenni, e consisteva nel recarsi, coi genitori o, più spesso, con la nonna, in case sconosciute, dove vivevano persone sconosciute, sedute compostamente su divani e poltroncine, e prender posto su una sedia dallo schienale rigido e rimanere là, coi piedi che non toccavano terra, per un tempo indefinito, fino a che i genitori o la nonna non decidevano che era il momento di andar via.
Un’usanza di questo genere la credevo tramontata da tempo, ma avevo torto. Ho rivissuto la stessa esperienza durante le scorse feste di Natale, tale e quale sputata: il salottino coi due divanetti ad angolo, le sedie in fila sul lato opposto, gli ospiti seduti compunti, le mani in grembo, l’offerta di bibite, caffè, cioccolatini, torta di mele, e lo stesso silenzio di allora, rotto da qualche frase di circostanza. Il bebè passato di mano in mano, seduto sulle ginocchia di nonne e zie che a turno lo tentennano alzando e abbassando ritmicamente le gambe. L’unica cosa è che i miei piedi ormai toccano terra e non posso dondolarli.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a In visita

  1. Fritz Gemini ha detto:

    Che bello Marisa che tu abbia ricordato questi eventi. Anche a me da piccolo toccava andare di tanto in tanto da zii dei miei genitori che non conoscevo, o che frequentavo solo in quelle occasioni. Ricordo il dover andare dal mio paese in un altro paese o in citta’. e quello era gia’ un rito. Il tragitto in auto, di soli 20 o al massimo 30 km, era un viaggio. E poi non aggiungo altro, hai gia’ scritto bene tutto tu.

  2. marisasalabelle ha detto:

    Ma sorprendente, per me, è stato ritrovarmi nell’identica situazione, come se il tempo si fosse fermato…

  3. tramedipensieri ha detto:

    Succede magari quando non c’è frequentazione, non si sa cosa dire come spostare il discorso dalla circostanza per cui ci si è incontrati
    In certi, molti, luoghi è ancora così…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...