Cortili, gatti, bambini

Seduta alla mia postazione abituale, sul microscopico terrazzino che dà sul cortile posteriore, lo sguardo spazia sui cortili e giardini circostanti, specialmente da quando la siepe di rincospermo, che dall’ultimo orizzonte il guardo escludeva, è stata assassinata dal proprietario della casa di fianco alla mia: casa dove peraltro lui non ha più messo piede dopo il misfatto e dove ora vive un anziano signore che saluto con imbarazzo ogni volta che fa capolino sul suo terrazzo adiacente al mio. Oltre il mio nuovo vicino vive una famiglia molto simpatica, un nonno e una nonna che ospitano a turno una quantità di nipotini di diverse età. Oggi la donna e un bimbetto sui due anni sono in piedi accanto alla ringhiera che separa il loro cortile da quello del nostro comune vicino. Tutti questi cortili e giardini confinanti e separati da reti o ringhiere sono spesso attraversati da gatti esploratori che passano attraverso le sbarre o saltano dagli alberi sulle tettoie degli annessi.
«Gattino ne’o» dice il piccolo.
«Gattino nero!» conferma la nonna.
«Gattino ‘iiato»
«Sdraiato? Sì, il gattino è sdraiato!»
«Gattino ‘iiato!»
«Gattino sdraiato… uh, bellino il gattino sdraiato…»
«Gattino ‘iiato, ‘iiato, ‘iiato!» si intestardisce il piccolo, evidentemente nella convinzione di non essere stato capito. La nonna, a corto di argomenti, propone un diversivo.
«Gattino sdraiato, fa la nanna, il gattino. E tu, la vuoi fare la nanna? Vieni, andiamo dentro.» E lo trascina in casa mentre quello, ormai privo di speranza, continua a ripetere «gattino ‘iiato, gattino ‘iiato.»
Li vedo scomparire dalla mia vista mentre un magnifico gatto striato attraversa maestosamente il cortile.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Cortili, gatti, bambini

  1. “Gattino che fa la nanna, bambino, vuoi fare la nanna anche tu?”
    Se vi sono ferite è un caso da poter lavorare in onestà di coscienza creativa, in realtà buondì, buon lavoro! ❤ … ❤

  2. marisasalabelle ha detto:

    Buon lavoro anche a te!

Rispondi a Federico Santarelli Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...