Come hai potuto farlo

«Allora, mamma, come procede la lettura?»
«Benissimo! Capisco tutto! E mi piacciono un sacco tutte queste chiacchiere, i pettegolezzi…»
«Vedrai che sarà proprio grazie alle chiacchiere e ai pettegolezzi che il caso sarà risolto!»
«Ora per esempio sto leggendo di quando lui mette la sorella all’ospizio e quella donna gli dice: come hai potuto farlo, tua sorella ti ha allevato, come hai potuto essere così ingrato! Ma scusa, come faceva lui a tenerla con sé? Non poteva, non ce l’avrebbe mai fatta! Io lo capisco!»
«Mamma… non è successo davvero!»

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, romanzo e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Come hai potuto farlo

  1. annaecamilla ha detto:

    Quando la finzione prende il sopravvento!!!

  2. marisasalabelle ha detto:

    In questo caso vuol dire che l’autrice è riuscita nel suo intento!

  3. «Mamma… non è successo davvero!»

    Chissà se è un caso immaginario da romanzo di pettegolezzi che chiede aiuto per la risoluzione?

    Buongiorno, buon lavoro! ❤ … ❤

  4. marisasalabelle ha detto:

    A volte certi lettori si immedesimano un po’ troppo… e comunque, vuol dire che l’autore ha raggiunto il suo scopo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...