Notre Dame

notre dame

Quanto è grande la nostra capacità di commuoverci, di soffrire autenticamente per eventi che non ci colpiscono direttamente? Cosa ci provoca veramente angoscia, cosa non riusciamo a toglierci dalla mente e cosa invece, nonostante tutto, ci scivola addosso come l’ennesima tragedia di fronte alla quale ci sentiamo del tutto impotenti? Di fronte a tanta commozione espressa spontaneamente ieri sera sui social di fronte alle terribili immagini di Notre Dame in fiamme, non è mancato chi ha redarguito severamente i dolenti: terremoti, guerre, naufragi sono in corso e voi piangete per una chiesa?
Non penso che sia così. Certo, la vita umana è il bene più prezioso, certo guerre e calamità sono atroci. Ma anch’io confesso di non riuscire a provare, a volte, molto più che un generico dispiacere di fronte all’ennesimo reportage. Ci sono stati alcuni eventi, prendendo ad esempio solo l’ultimo anno, che mi hanno causato il classico nodo allo stomaco. Le immagini delle carceri libiche e le testimonianze dei tanti torturati, delle tante donne violentate. Le vicende delle navi tenute per giorni in mare col loro carico umano grazie alla “politica dei porti chiusi”. Gli sgomberi feroci, la povera gente buttata in strada. Ma mi rendo conto che questi non sono i soli episodi tragici avvenuti nel mondo, anzi, ne rappresentano solo una piccolissima porzione.
D’altra parte, come si fa a soffrire per tutto il dolore, tutta la povertà, le distruzioni, le guerre, le violenze? Dopo un po’ diventano numeri, immagini che scorrono su uno schermo. Il nostro cuore, la nostra mente si difendono così.
Ma lasciate che una morsa mi attanagli il cuore per Notre Dame che brucia. Non è “solo una chiesa”. Non è “allora i bambini che muoiono di fame, allora le vittime del terremoto”. È Notre Dame. Lasciatemela piangere.

Annunci

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Notre Dame

  1. Mi sono commossa anch’io a questa notizia. E’ davvero un enorme dispiacere.

  2. Infatti, anche per me non è giusto generalizzare e buttare tutto nello stesso calderone. Le tragedie umane sono diverse, direi che questo è ovvio, e il dolore che si prova per esse è lancinante. Tuttavia, questo non può sminuire il dispiacere per un evento così distruttivo. In quella cattedrale, comunque, c’è l’opera dell’uomo.

  3. marisasalabelle ha detto:

    E la bellezza… la bellezza è importante!

  4. Lucy the Wombat ha detto:

    Ma poi non ho mai ben capito questo tipo di protesta… Soffrire per una cosa non ne esclude un’altra. Magari fosse così.

  5. marisasalabelle ha detto:

    Infatti, nemmeno io ho capito perché essere addolorati per Notre Dame debba significare essere insensibili verso altre sventure…

  6. Gufo a molla ha detto:

    Ma possibile che ci deve essere sempre qualcuno che critica? Mentre leggevo pensavo le stesse cose che vedo qua nei commenti: non è che uno se si dispiace per Notre Dame non si dispiace anche per guerre, terremoti e naufragi. Veramente penso che queste polemiche vengano fatte da chi vuole attirare l’attenzione su di sè.

  7. marisasalabelle ha detto:

    Ti dirò: per me, chi si indigna dicendo “tanto rumore per una chiesa e non dite nulla per le tragedie umane… secondo me se ne frega dell’una e delle altre!

  8. Menti Vagabonde ha detto:

    Assolutamente d’accordo con te. Anche io non comprendo perché un dispiacere debba escluderne un altro. Ognuno di noi ha la propria sensibilità, i propri ricordi, io ne ho uno molto bello proprio di Notre Dame con la mia famiglia. Praticamente oggi dovremmo fare una classifica delle disgrazie? L’altro giorno ascoltavo un intervento di Vito Mancuso sul senso della bellezza, sull’esperienza della bellezza e sul suo valore salvifico dall’impoverimento, dal nulla. Anche un’opera d’arte creata dall’uomo ha questo valore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...