Santi

In libreria, nonostante non ci sia riscaldamento, non fa mai veramente freddo, in ogni caso c’è una stufetta che si può accendere all’occorrenza. Così oggi l’accendo un pochino, tanto per scaldarmi i piedi. Arrivata l’ora di andar via, chiudo tutto, abbasso la saracinesca e vado a casa. Solo dopo aver varcato il portone ed essermi tolta le scarpe, già pregustando il pasto frugale a base di birra e formaggio, mi torna in mente la stufetta. L’avrò spenta? Mmm… mi sa proprio di no. Okay, ora mangio e mi riposo un po’, poi, con comodo, ci farò una scappata.
Ma il pensiero della stufa accesa non mi dà pace. Immagino una fuga di gas, un ritorno di fiamma, già vedo la libreria a fuoco e tutti i libri carbonizzati. Basta: mi rimetto le scarpe e vado. Parcheggio in uno stallo a pagamento al confine della ZTL ma non metto monete nel parchimetro, tanto in un minuto vado e torno. Arrivo trafelata in via de’ Cancellieri 5, alzo la serranda quel po’ che basta per entrare, sguscio dentro, mi avvicino alla stufa: spenta, fredda marmata. San Tommaso d’Aquino, protettore dei librai, sei stato tu a scendere dal cielo per premere il pulsante rosso? Sant’Antonio abate, protettore degli smemorati, perché non mi hai fatto tornare in mente che l’avevo spenta, la stufa, invece di lasciare che mi precipitassi qui in preda all’ansia? E tu, san Cristoforo, patrono degli automobilisti, fa’ che non mi abbiano fatto la multa…

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, libreria e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Santi

  1. Harley ha detto:

    Manca all’appello dei santi.. San Francesco da Sales, protettore degli scrittori….

  2. Sibilla ha detto:

    Che piacere leggere questi post divertenti ma mai stupidi!

  3. Gufo a molla ha detto:

    Anche io un sacco di volte ho questi comportamenti, boh, forse ossessivo/compulsivi? Non ci si ricorda mai di quando si è fatta la cosa giusta e cioè spegnere le cose! Lesi fa senza pesarci ma dopo… Comunque meglio così che non essere andata e poi magari era successo il disastro.

  4. marisasalabelle ha detto:

    Ma il bello è che tuttora non ricordo di avere spento la stufa!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...