Sotto una coltre bianca

Sarebbe nevicato. Per ventiquattr’ore a Pistoia non si è parlato d’altro. L’aveva detto la televisione, lo confermava il meteo consultato ossessivamente ogni venti minuti. Lo ripeteva la gente per strada, lo sussurrava al supermercato. Ognuno lo pubblicava sul suo profilo Facebook. La neve sarebbe caduta silenziosa per tutta la notte e stamattina Pistoia si sarebbe svegliata completamente imbiancata. Si guardava il cielo lattiginoso, si tiravano fuori calzamaglie e scarponcini. Perlopiù tutti ne parlavano con fastidio, pensando che la neve avrebbe reso difficile andare al lavoro, portare i bambini a scuola, avrebbe fatto scivolare le vecchiette e riempito il pronto soccorso di infortunati. Ma molti in cuor loro sorridevano immaginando la città sotto una romantica coltre bianca.
Stamattina siamo tutti corsi alle finestre. E niente, neanche un fiocco.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Sotto una coltre bianca

  1. tramedipensieri ha detto:

    … la neve arriva in silenzio cos’è tutto questo chiasso?? :D:D:D

  2. annaecamilla ha detto:

    😂😂😂Fantastico! Felice giornata! 😘

  3. la davano anche a Milano ma….

  4. wwayne ha detto:

    Capita spesso che le persone confondano i propri desideri e le proprie speranze con la realtà. In questo caso ci speravano tutti così tanto di poter stare un giorno in vacanza che passando di bocca in bocca la frase “Speriamo che nevichi” è diventata prima “Credo che nevicherà”, poi “Nevicherà di sicuro.”
    Capita anche a scuola: la frase “Speriamo che non interroghi” prima diventa “Secondo me oggi spiega”, poi “Spiegherà di sicuro.” E quando il professore (seguendo l’orario interno) prende il suo registro per scegliere gli interrogati, alcuni alunni esclamano con sincero sbigottimento: “Ma prof, mi avevano detto che oggi spiegava!” 🙂

  5. marisasalabelle ha detto:

    Conosco queste dinamiche! E ti dirò che quando capitava un contrattempo improvviso che costringeva il Comune a chiudere le scuole, ero felice come una bambina all’idea di una vacanza inaspettata!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...