Piccolezze

Forse sono piccolezze, o forse no.

Un giovane ristoratore pistoiese acconsente a prendere una studentessa per uno stage. Quando però vede che è nera cambia parere.
«Mi dispiace, non va bene. Nulla di personale, assolutamente, ma capisci… qui facciamo cucina tipica del territorio… abbiamo bisogno di personale locale.»
«Guarda che la ragazza è pistoiese, è stata adottata quando aveva un anno.»
«Sì, ma… abbi pazienza… ti sembra che abbia un aspetto da pistoiese?»

Un barista è disposto a prendere come tirocinante un ragazzo disabile. Purtroppo il ragazzo in questione non ha le capacità necessarie per stare al banco e servire i clienti.
«Mi dispiace, guarda, mi piace questo progetto per l’inclusione… avrei partecipato volentieri, sono molto attento a questo tema.»
«Se vuoi, avrei un altro ragazzo da proporti.»
«Che tipo di disabilità ha?»
«Non è un disabile, fa parte di un altro progetto.»
«Non mi dirai mica che è un nero?»
«Be’… ecco…»
«Ma lo sai che sono razzista!»

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, migrazioni e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Piccolezze

  1. Harley ha detto:

    Non sono piccolezze anzi…

  2. tramedipensieri ha detto:

    È proprio qui che si mostra il pensiero: nei (mancati) fatti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...