Il Capitano

E così, alla fine, il nostro Capitano è indagato dalla magistratura. Lui, che si stava battendo come un leone solo per difendere i nostri confini da una pericolosa nave pirata che puntava dritta alle nostre coste! Lui, il salvatore della Patria e della nostra pura razza italiana. Ma quando gli sbirri sono venuti ad arrestarlo, lui ha scandito forte e chiaro: «Prima gli italiani!» E mentre lo portavano al patibolo sulla carretta, tra due ali di folla commossa, e quando lo hanno issato sul palco, e gli hanno fatto posare la testa sul ceppo prima che la mannaia del boia calasse spietata, ha ripetuto il suo motto senza tentennare un solo istante. Ora egli riposa tra i martiri di questa nostra Patria sventurata…

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, migrazioni e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Il Capitano

  1. wwayne ha detto:

    Sapeva benissimo che sarebbe finita così, perché la nave è italiana e quindi ha tutto il diritto di approdare in Italia. Ma dopo aver visto che in 20 anni la magistratura è riuscita a tirare soltanto un buffetto a Berlusconi, ha capito che forse a sfidarla non c’è molto da perdere…

  2. marisasalabelle ha detto:

    Anzi, diventerà un eroe!

    • wwayne ha detto:

      Lo è già diventato: molti italiani adorano (non approvano, adorano) la sua decisione di non far sbarcare i migranti della Diciotti. Chi per razzismo, chi perché erano anni che aspettava di vedere una simile prova di forza nei confronti dell’Unione Europea (davanti alla quale i premier degli ultimi anni si erano sempre tolti il cappello).
      Come sa, io sono visceralmente antieuropeista, e ritengo che fare un metaforico dito medio a quelli di Bruxelles sia sempre cosa buona e giusta; tuttavia, quando per fare questo dito medio bisogna tenere sul filo del rasoio decine di persone per giorni e giorni, allora smetto di ritenere che il fine giustifichi i mezzi. Respingili se proprio non li vuoi, ma tenerli appesi a un filo per oltre una settimana è eccessivo. Vorrei usare aggettivi ben peggiori di eccessivo, ma scivolerei nell’insulto e quindi mi astengo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...