Ufficio postale

In coda all’ufficio postale. Ho 30 persone davanti a me, ma ci sono diversi sportelli aperti, dai, proviamoci. Magari in mezz’ora me la cavo. Trovo posto a sedere vicino a una grande pianta, le cui foglie appuntite mi spiovono sul collo. Dall’altro lato ho due signore anziane che chiacchierano per ingannare l’attesa.
«La mi’ mamma si chiamava Anna.»
«Anna! Che bel nome! Il più bello che c’è.»
«La mi’ nonna Luisa, e la mi’ socera Franca…»
«Bei nomi! Nomi di una volta! Anche la mi’ cugina si chiamava Luisa… L’è morta, po’erina…»
«Eh sì! Si sente tanto la mancanza…»
Incerta se suicidarmi subito o concedermi un’altra chance, decido di abbandonare immediatamente l’ufficio postale. Il mio abbonamento a Altreconomia può aspettare.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...