Melassa

Una piaga del web è rappresentata dai meme raffiguranti cagnolini, micetti, stelline, spicchi di luna e altre cose carinissime, circondati da cuoricini e recanti scritte augurali del tipo: Buona giornata! Magnifica notte e sogni d’oro! Buon fine settimana, buona domenica e perfino, testuale, buon venerdì. Per non parlare degli aforismi sull’amore, sull’amicizia, sulla felicità eccetera eccetera. Lo confesso: sono allergica a queste massicce iniezioni di melassa. Pazienza quando incappo in questi moderni sostituti delle buone vecchie immaginette scorrendo la timeline di Facebook. È chiaro che ciascuno è libero di postare quello che vuole, anche se un eccesso di zuccheri nella dieta, lo sappiamo, è controindicato. Il guaio è quando mi arrivano come messaggi privati su Messenger o, peggio ancora, su WhatsApp. Ho delle amiche, purtroppo, che adorano tempestare il prossimo di figurine grondanti ottimismo, candore e buoni sentimenti. Tra queste, una in particolare, da quando sono stata afflitta dal recente lutto di cui sappiamo, si è assunta (unilateralmente) l’impegno di inviarmi due di questi meme zuccherosi ogni giorno, uno la mattina e l’altro la sera. È il suo modo di starmi vicina e di farmi sapere che mi pensa, lo so. Ma rischia di farmi salire la glicemia a livelli intollerabili, perciò tento strategie per scoraggiarla senza urtare la sua sensibilità. Rispondo con una faccina sorridente o con un asciutto grazie, un semplice ciao. Aggiunge ulteriori faccine e persevera nei suoi invii. Smetto di risponderle. Non si arrende, anzi trova vignette sempre più pucciose da mandarmi. Finalmente decido di mandarle un messaggio e raduno tutte le mie (scarse) risorse diplomatiche.
Carissima, le scrivo, ti ringrazio per i tuoi messaggi, so che mi pensi e te ne sono grata. Scusa se non ti rispondo, ma non ho molta dimestichezza con gattini, cuoricini e simili. Mi trovo più a mio agio con una conversazione magari meno frequente, ma più personale…
Non preoccuparti, mi risponde, mi va bene anche uno smile.
E inoltra a stretto giro tre nuovi meme.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Melassa

  1. tramedipensieri ha detto:

    Rido assai :)))

    Condivido.
    Ormai le amiche che mi scrivono su WhatsApp lo sanno che non rispondo quando inviano simil dolcezze.

  2. marisasalabelle ha detto:

    E intanto anche stamattina ho avuto la mia dose di dolcezza… una graziosa tazzina da caffè dalla quale si sprigionano cuoricini… la mia amica non si arrende davanti a nulla! 😀

  3. Bene ha detto:

    Come succede spesso mi trovi perfettamente d’ accordo :-D. Non sopporto dolcezze, figurine e ancora meno aforismi….. mi pare soprattutto che tolgano la possibilità di far esprimere le persone per quello che sono…. magari costa fatica scrivere parole proprie, ma emergerebbero personalità più vere…
    Comunque mi hai fatto cominciare la giornata con una risata e messo una curiosità addosso….. 😉

    ( spero di aver imparato a fare le faccine…. è il massimo della mia melassa…..)

  4. marisasalabelle ha detto:

    Curiosità di che? Sapere chi è la responsabile dell’overdose di melassa? Non parlerò neanche sotto tortura…
    Comunque, si tratta di una persona che non puoi conoscere
    Per le faccine, prova a eliminare il naso. Faccia che sogghigna: due punti D, senza spazi e senza altri trattini 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...