Mirto

Ognuno è libero di pubblicare su Facebook quel che gli pare. Be’, non è del tutto vero, in realtà, perché Facebook censura. Ma se non scrivi parolacce o non posti foto di nudi puoi dire quello che ti salta in mente, errori di ortografia e refusi compresi. Ma, a parte i casi di conclamata ignoranza, cosa gli costerebbe alla gente controllare la correttezza di ciò che si apprestano a condividere con, magari, mille o duemila amici virtuali? È quello che mi domando vedendo un post multicolore, ornato con palloncini, cuoricini e fiorellini, sul quale spiccano in caratteri cubitali e ovviamente in stampato maiuscolo le parole:
È MIRTO TOTÒ RIINA.
Mirto? E perché non ginepro?

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...