Andare e tornare

Mi hanno colpito molto le nuove disposizioni in base alle quali, sembra, gli alunni delle elementari e medie (pardon: della scuola primaria e della secondaria di primo grado…) devono essere sempre ripresi dai genitori o da altro soggetto autorizzato alla fine delle lezioni. Nel caso che permettesse loro di andarsene a casa da soli, anche se la loro casa dovesse trovarsi a cinquanta metri dalla scuola, l’Istituzione sarebbe responsabile di abbandono di minori. Abbandono di minori, mica noccioline!
Quando andavo alle elementari, a Cagliari, la scuola era in una traversa di via della Pineta, dove abitavo: restavo sullo stesso marciapiede, dovevo attraversare solo alcune traverse prima di imboccare quella in cui si trovava il Randaccio, la mia scuola. Ricordo vagamente che per il primo anno, forse anche per il secondo, mi accompagnava e mi veniva a prendere la zeracca, ossia la nostra domestica, che viveva con noi. Poi, dalla terza, sono andata e tornata da sola, con alcune amichette che abitavano vicino a me. Alle medie, a Pistoia, abitavo molto lontano dalla scuola: ci andavo col mio babbo, che era il preside, e tornavo da sola: circa tre chilometri che percorrevo a piedi in una mezz’oretta. Erano altri tempi, si dirà. Il mondo era migliore, allora? I bambini erano più sicuri? Nessuno li importunava?
Quando ho avuto figli, mi sono sobbarcata ore di auto per accompagnarli e riprenderli da scuola. Ma quando mio figlio Andrea era in quinta elementare un giorno sono andata a prenderlo con l’autobus, abbiamo fatto insieme il tragitto di ritorno, gli ho insegnato tutto quello che doveva fare e dal giorno dopo è tornato da solo. La mia figlia maggiore dagli undici anni in poi andava dappertutto in bicicletta e i due più piccoli hanno frequentato la scuola media di zona e sono sempre andati e tornati da soli. Sono ancora vivi tutti e quattro e godono di ottima salute.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, scuola e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...