Pistoiesità

È una coincidenza davvero curiosa, ma stamattina, scorrendo la timeline su Facebook, sono incappata in un post di un amico pistoiese, che seguo perché pubblica bellissime foto e cartoline della Pistoia che fu. Tema del post: i cambiamenti avvenuti in città col tempo, la scomparsa della pistoiesità. Riporto, in forma anonima, alcuni commenti:
«Per me la pistoiesità è un po’ svanita anche perché in centro di pistoiesi veri ce ne sono rimasti ben pochi, giri per il centro e senti parlare solo straniero. Che gli importa a loro della città e del suo passato?»
«E che son morti tutti i Pistoiesi? No, stanno in casa. Non c’è più entusiasmo, la gente è stata prosciugata, si riguarda anche a mangiare una pizza, non dico che scomoda anche un caffè, ma insomma…»
«Posso chiedervi cosa vuol dire pistoiesità?»
«Penso che per pistoiesità si possano intendere i luoghi comuni, le abitudini, il modo di passare il tempo di qualche anno fa, almeno una cinquantina. Non eravamo ricchi, ma duecento lire per una schedina c’erano, per sedersi a un tavolo c’erano, e c’erano anche i tavoli, c’erano tanti negozi, si scendeva in centro per incontrarsi, c’erano vari punti, il Globo con i globini a sfottersi e a raccontare smargiassate, il negozio di dischi del Gavazzi che oltre a punto vendita era anche ritrovo, il Valiani, il Piemontese, la pizzeria alla Barriera, tantissimi negozi, tante belle commesse… Le mesticherie e ferramenta erano tutte sulla Sala o nelle strade adiacenti, i negozi di articoli sportivi, fotografi, macellari, ottiche, pasticcerie, c’era di tutto.»
«Però ce ne sono ancora tanti, tranne quelli che sono diventati negozi di cenci, o di birra, di kebab o simili…»
Dite la verità, non ci starebbe bene questa conversazione in un impossibile sequel dell’Efisia?

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, romanzo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Pistoiesità

  1. corvobianco213 ha detto:

    Ecco, quell’impossibile mi ha intristito di brutto… io ci speravo…

  2. marisasalabelle ha detto:

    Dico impossibile perché l’Efisia, poverina, è morta… 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...