S’ha a andar bene

Sì, sono andata alla Messa di don Biancalani. Quando sono arrivata le strade intorno erano piene di macchine che cercavano inutilmente da parcheggiare e di pedoni che si affrettavano verso la piazza della chiesa, anch’essa gremita. I vigili cercavano di disciplinare il traffico, mentre alcuni poliziotti tenevano in disparte quella dozzina di militanti di Forza Nuova, venuti a vigilare sulla dottrina di don Massimo. Li hanno poi scortati verso la chiesa, dove, sulla soglia, hanno trovato lui, il pericoloso amico dei migranti, che ha stretto loro la mano e li ha invitati a entrare, limitandosi a dire bonariamente: «Ragazzi, mi raccomando…»
La chiesa di Vicofaro, che erroneamente i giornali dicono essere “in provincia di Pistoia”, è in città, invece, poco lontana del centro storico: quando ero piccola e abitavo in via Macallè era la mia parrocchia, ed era una chiesetta piccola, dall’aspetto semplice e tradizionale. A un certo punto, verso gli anni ’70, a fianco del piccolo edificio ormai insufficiente, ne venne edificato uno nuovo, opera architettonica ardita ma da molti giudicata semplicemente brutta. Con una copertura tonda di cemento armato, la nuova chiesa somiglia a un bunker. Dentro è molto grande e abbastanza confortevole. Ieri era gremita fino all’ultimo strapuntino: fedeli abituali e occasionali, amici di don Massimo, persone che desideravano esprimergli la loro solidarietà. Non è stato un evento sacrilego, come temeva il vescovo Tardelli, che ha accordato il suo sostegno al prete reo di “aver portato alcuni profughi in piscina” con una certa prudenza: in un primo momento con un comunicato piuttosto cerchiobottista, lasciando intendere che avrebbe sollevato il parroco dalla celebrazione, (la Santa Messa sarà presieduta dal mio vicario…) e solo in seguito “chiarendo” che parroco e vicario avrebbero concelebrato e l’omelia sarebbe stata pronunciata da don Massimo. Non è stata una manifestazione politica se non nel senso più alto della parola. Tanti, tanti cittadini pistoiesi hanno voluto esprimere la loro vicinanza a un prete buono e coraggioso e la loro fede in una Chiesa che sa accogliere gli ultimi. I non credenti sono rimasti sul sagrato, solidali anch’essi, senza “profanare” la cerimonia.
Dimenticavo: quando sono entrata, Massimo, che si era trattenuto sulla soglia a dare il benvenuto a tutti, non solo ai fascisti, mi ha rivolto il suo sorriso da gigante buono:
«Ecco la mia maestra» ha detto. «Guarda che è colpa tua se sono venuto così…»
E s’ha a andar bene!

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a S’ha a andar bene

  1. wwayne ha detto:

    Accogliere in quel modo i militanti di Forza Nuova è stata una mossa astuta. Quando qualcuno vuole palesemente attaccar briga con te, la maniera migliore di trattarlo è proprio quella scelta da Biancalani: infatti, se agli attacchi reagisci con la gentilezza, la cosa spiazza il tuo avversario, lo fa sentire in imbarazzo e inadeguato, e quindi lo rimette a posto in modo più efficace di qualsiasi urlo.
    Non sempre si ottiene questo risultato, ovviamente: ci può essere anche chi ha una voglia di litigare talmente sfrenata che non lo fermerebbe neanche Leone Magno. In qualche caso, però, questa tattica funziona.

  2. marisasalabelle ha detto:

    Se ne sono stati zitti e buoni in un banco all’estrema destra (e dove, se no?). Questo dovrebbe farti capire che don Biancalani è meno naif di quanto pensavi!

    • wwayne ha detto:

      Nell’uso dei social è sicuramente naif. Ed è cascato in pieno nel trappolone di La7, che l’ha invitato soltanto per scatenare il tiro al bersaglio nei suoi confronti e farlo scuoiare dalla Santanché. Tuttavia, alla luce di questo post ammetto di averlo parzialmente rivalutato.

  3. tramedipensieri ha detto:

    Complimenti alla Maestra! Queste so soddisfazioni! :))

  4. marisasalabelle ha detto:

    Sì, ma pensa se lo venisse a sapere Salvini… 😉

    • wwayne ha detto:

      Beh, se Salvini rilanciasse questo post nel suo profilo Facebook Lei farebbe migliaia di visualizzazioni! Ma mi sa che il gioco non varrebbe la candela… 🙂

  5. marisasalabelle ha detto:

    Sarebbe una bella pubblicità…

  6. marisasalabelle ha detto:

    Nooo… è perché è un omone… all’epoca, parlo del 1979, io avevo 24 anni ed ero agli albori della mia carriera, insegnavo religione, all’epoca. Ebbi l’incarico per metà in una scuola media e per metà all’Istituto per Geometri, dove conobbi Massimo. Tra me e lui ci sono 7/8 anni, non lo so esattamente. E comunque quel “addirittura più vecchio di Lei” cosa vorrebbe dire? 😀

    • wwayne ha detto:

      Non volevo assolutamente darLe della vecchia: sia perché non sarebbe galante, sia perché l’esempio di mia nonna (rimasta vivacissima fino a 80 anni) mi insegna che oggi si può essere delle ragazzine anche ben oltre la Sua età. Ho usato quell’addirittura nel senso di “paradossalmente.” 🙂
      Ma quindi il Suo esordio è stato su una cattedra diversa dalla A043/A050? E quanto ci è rimasta su religione?

  7. marisasalabelle ha detto:

    Avrei potuto ucciderti…
    Dopo essermi laureata nel 1978 mi sono iscritta a Teologia presso il Seminario di Firenze. In quegli anni iniziavano a scarseggiare i preti e i primi laici approdavano all’insegnamento di religione: la carenza era tale che con la sola iscrizione e frequenza della Scuola Teologica un consistente drappello di ragazze e ragazzi (tutti provenienti dall’ambiente cattolico, of course) riuscì a ottenere l’incarico. Ho insegnato religione per sei anni, non ce l’ho fatta a diplomarmi in Teologia perché lavorare, studiare e fare figli era troppo anche per me. Poi sono passata a italiano storia e geografia nella scuola media, ho partecipato a vari concorsi ottenendo subito l’idoneità sia per la media che per le superiori (A050) e finalmente nel 1986 ho vinto la cattedra per la scuola media. Nel 1991 ho fatto il passaggio di ruolo e sono finita all’Istituto tecnico industriale e lì sono rimasta!
    Tra l’altro è merito di religione se sono potuta andare in pensione tanto presto, perché a differenza di molte mie coetanee ho insegnato fin da subito e per annate intere… oltre ad aver riscattato gli anni dell’Università a un prezzo molto ragionevole!
    Soddisfatto?

    • wwayne ha detto:

      Avevo sentito parlare di riscatto degli anni universitari, ma non mi sono mai informato su cosa volesse dire. L’ho fatto adesso, e quello che ho scoperto mi ha fatto leccare i baffi: in base ad esso anch’io potrei andare in pensione ben 5 anni prima. Ma la strada per arrivare a quel traguardo è ancora mooolto lunga: ho solo 2 anni di esperienza sulle spalle! 🙂 Grazie mille per la dettagliatissima spiegazione! 🙂

  8. Speranza ha detto:

    Sarei andata pure io a quella Messa. Gli avrà fatto piacere vedere la sua maestra. V

  9. marisasalabelle ha detto:

    In realtà, come dicevo in un commento precedente, non sono stata la sua maestra, ma la sua insegnante di religione in quarta e quinta superiore… lui mi dice sempre che sono la sua “maestra” forse perché sono stata io a fargli venire certe idee bacate per la testa!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...