Parole

Leggendo le riviste che con un modico aggravio sul prezzo Repubblica mi elargisce ogni settimana rimango spesso colpita dal lessico di alcune illustri rubrichiste. Natalia Aspesi usa volentieri la parola sperdimento per indicare lo stato di grazia e di totale irrazionalità in cui si trova chi è innamorato. Claudia De Lillo alias Elasti ha una predilezione per l’aggettivo malmostoso che usa molto spesso per indicare l’umore torvo del suo figlio primogenito o suo proprio, ai tempi dell’adolescenza. Sono due parole che io, in 62 anni di vita, in circa 56 anni di pratica della scrittura, credo di non aver usato una sola volta, a parte ora, in questo post. E che molto raramente ho incontrato nelle mie letture, salvo che negli scritti di queste due signore.

Annunci

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, leggere, scrivere e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Parole

  1. acabarra59 ha detto:

    “ Venerdì 3 gennaio 1997 – […] (Chissà perché gli piace tanto una brutta parola come « incistata ». Ci sono delle parole che a me sembrano brutte, anche se, dopotutto, non sono brutte parole. « Incistata » l’avrebbe potuta dire quel mio amico che diceva sempre qualcosa che a me suonava strano, parole che non erano veramente parole, come se provenissero da un vocabolario fatto non di parole ma di qualcosa d’altro, fatto non per le parole ma per qualcosa di diverso dalle parole, come i vocabolari dei critici d’arte, o dei gastronomi, o dei pittori, i vocabolari di chi non parla mai veramente, che non sa veramente le parole, che se ne serve solo, con effetti non di rado grotteschi) “.

  2. corvobianco213 ha detto:

    Si quelle parole tipo “plumbeo”, ma si è mai sentito qualcuno che alla domanda “com’è il tempo da te oggi?” abbia risposto “plumbeo”.
    Oppure mi vengono in mente parole come “pleonastico” che non mi ricordo neanche che vuol dire. O “subitaneo” che sinceramente suona pure male.
    C’è un modo per richiedere di toglierle dal vocabolario?
    E magari già che ci siamo ritrattare anche il caso di “petaloso”?
    E’ che non m’è andata giù quella storia…

  3. marisasalabelle ha detto:

    Devo confessare che alcune parole desuete non mi dispiacciono, se usate con parsimonia possono essere una risorsa. Quello che ho trovato strano negli esempi che ho citato è la frequenza con cui le due giornaliste usano ciascuna la sua parola preferita. Possibile che su una rubrica di un grande settimanale (D di Repubblica) ogni settimana si abbia la necessità di definire “malmostoso” un ragazzo, o un atteggiamento?
    Quanto al vocabolario, le parole entrano ed escono in base alla frequenza con cui sono usate, quando una parola esce completamente dall’uso esce anche dal vocabolario, e solo quando ricorre con sufficiente frequenza nei testi scritti o orali per un periodo di tempo abbastanza lungo viene inserita. Non è facile né entrare né uscire, comunque i grandi dizionari si aggiornano costantemente. A proposito di “petaloso”, non preoccuparti, non è entrato nell’uso e nemmeno nel vocabolario, nonostante tutto il battage che è stato fatto intorno a quella che era solo una piccola invenzione lessicale di un bambino!

  4. marisasalabelle ha detto:

    Non è una parola rara, questa… si usa per indicare una grande campagna pubblicitaria. Non volevo fare sfoggio di linguaggio ricercato! 🙂

    • per la redazione ha detto:

      Non sarebbe il Suo forte, il linguaggio ricercato, sig.ra Marisasoprassediamo. Sono qui per annunciarLe che, letto il blog di Logorrea, Lei è stata iscritta d’ufficio all’albo dei fessi.
      Ne goda, anzi ne giubili. Non rilasciamo tanto facilmente questo attestato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...