Legittima difesa

Io, questa cosa della legittima difesa, non la digerisco proprio. Sono una persona disarmata e intendo continuare a esserlo. So, peraltro, che il Paese che in assoluto ha fatto della difesa personale la sua bandiera, gli Stati Uniti, è quello in cui le vittime di armi da fuoco sono le più numerose, sia per aggressività di chi gira armato, sia per eccessiva disinvoltura nella difesa della propria abitazione o dei propri beni, che sono importanti, certo, ma che non è detto valgano una vita umana, sia a causa di sciagurati incidenti: il padre che uccide il figlio nottambulo scambiandolo per un ladro, il bambino che spara alla sorellina perché si è impadronito della pistola di papà…
Insomma, io sono contraria a tutto questo, lo sono sempre stata. Ho la fortuna di non essere stata mai aggredita nella mia casa, e posso immaginare che ci si possa sentire violati. Sono stata scippata due volte per strada, una volta sono anche stata buttata a terra, ma non ho sparato al mio aggressore. Considero insita nella nostra vita una certa componente di rischio, penso che la sicurezza al cento per cento che tanti invocano sia un’utopia. E comunque, so che difendersi in caso di pericolo è lecito, né mi sogno di pensare che tutti debbano essere Gandhi o San Francesco. In Italia una legge sulla legittima difesa l’abbiamo già. Ricordo quando, una decina di anni fa, la destra, allora al governo, aggiunse alcune modifiche alla legge: se non sbaglio, fu inserita la difesa della proprietà oltre a quella della vita. Ricordo che discutemmo dell’argomento in una delle mie classi, i ragazzi erano perlopiù a favore, anzi, avrebbero introdotto commi ancora più garantisti verso chi sparasse al ladro, avevano interiorizzato il concetto della proprietà a tal punto che consideravano legittimo privare della vita chiunque la minacciasse. E ricordo quanto io mi affannassi a farli riflettere sul fatto che la tutela di un bene non deve arrivare al punto di togliere la vita a chi vi attenta, che nello stato di diritto l’uso della violenza è consentito solo alle istituzioni e non al singolo cittadino, che, che, che…
Com’ero ingenua, allora, quando attribuivo al carattere specifico della destra questa propensione all’uso delle armi, questa difesa a oltranza della proprietà, questa ossessione per la sicurezza. Ora, grazie a Minniti, Renzi e altri simpatici signori, so che tali valori appartengono anche alla sinistra, che «non possiamo lasciare la sicurezza alla destra», che dobbiamo andare a prenderci i voti di chi è favorevole al regolamento dei conti in stile Far West, altrimenti c’è il rischio che quei voti vadano alla Lega o a Grillo. Immagino che il prossimo passo sia: «Non possiamo lasciare il razzismo e la pulizia etnica alla destra: esiste un razzismo di sinistra! Se non riusciamo a catturare i voti di coloro che vogliono una nuova politica razziale, quelle brave persone voteranno per la Lega!»

Annunci

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Legittima difesa

  1. wwayne ha detto:

    Anche Saviano ha notato che la sinistra ha “rincorso” la destra su questo tema, e anche lui ha ipotizzato che questa “scopiazzatura” abbia il solo fine di arraffare un pugno di voti in più. Ad ogni modo, questo è l’ennesimo segnale di snaturamento della sinistra: un processo che era facile intuire già dal giorno in cui è salito al trono Renzi, che è palesemente un uomo di destra riciclatosi a sinistra perché nel PDL comandava ancora Berlusconi.
    Insomma, la sinistra è morta, ed è diventata soltanto una caricatura della destra. Non capendo che così rafforza il discorso di Grillo per cui destra e sinistra pari sono, sono due facce della stessa medaglia, e quindi se si vuole un reale cambiamento bisogna votare per lui. Cosa che naturalmente non farò mai.

  2. marisasalabelle ha detto:

    Nemmeno io penso che voterò mai per i 5 Stelle, non mi piacciono, non mi piace il modo in cui il movimento è diretto, penso che tra i militanti ci siano molte persone di buona volontà ma anche tanti impreparati e incapaci. Inoltre non condivido gran parte delle loro idee. Non so cosa voterò alle prossime politiche, devo confessare che neanche la costellazione di partitini e movimentini a sinistra del PD mi convince… siamo proprio messi male! 😦

    • wwayne ha detto:

      Ah, neanch’io voterò la sinistra. L’ho fatto, turandomi pesantemente il naso, soltanto nel periodo in cui Berlusconi cominciò a fare leggi ad personam a tutto spiano: a quei tempi i 5 stelle ancora non esistevano, quindi l’unico modo che avevo per protestare contro di lui era votare PD. Una scelta che in quel contesto era giusta, ma che nel contesto attuale non ripeterei assolutamente.
      Colgo l’occasione per dirLe che ho pubblicato un nuovo post: https://wwayne.wordpress.com/2017/05/07/nessuno-come-lui/. Spero che Le piaccia! 🙂

  3. Condivido. Questa mania della sicurezza a ogni costo mi pare tra l’altro coprire in realtà un vivere (politicamente) alle spalle della paura. Si dice difesa dei cittadini e si intende “il mondo è brutto, minaccioso, piano di pericoli, dovete diffidare,dovete armarvi, dovete dare il vostro voto a chi vi permette di difendervi perché è giusto che abbiate paura”. Lo trovo davvero un messaggio molto triste, ma in questo momento sembra che faccia presa, speriamo che sia una fase temporanea. Credo che dagli altri ci sia sempre da imparare, ma temo che noi dagli Stati Uniti tendiamo a prendere il peggio. Magari quando loro cominciano ad avere dei ripensamenti…
    Buona serata
    Alexandra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...