Lettori

Questo blog è frequentato da un piccolo ma affezionato drappello di lettori. In quasi 5 anni di attività ha mantenuto un numero pressoché costante di visite giornaliere e di commenti. I grandi numeri non fanno per me, evidentemente. Ma la cosa curiosa è che da qualche tempo, quando vado a guardare le statistiche, vedo che c’è un numero, piccolo ma crescente, di lettori che lo seguono dagli Stati Uniti. Uno di questi, lo so chi è: il mio amico Andrea, che insegna all’università e che un giorno mi ha coinvolto in un dialogo coi suoi allievi via Skype. Ma gli altri? Ogni giorno il sito registra un piccolo numero di visitatori dagli USA. Cinque, nove, dieci. Chi saranno? Gli studenti che mi intervistarono quella sera? Amici italoamericani di Andrea? Curiosi qualsiasi? Sta’ a vedere che mi succede come alla Ferrante, la cui fama si è consolidata grazie ai lettori statunitensi…

Annunci

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, scrivere e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Lettori

  1. tramedipensieri ha detto:

    Sei unica 😊🌺😊

  2. wwayne ha detto:

    Anch’io ricevo in media 3,32 visualizzazioni al giorno dagli Stati Uniti (256 visite nei primi 77 giorni del 2017). Credo che sia perché molti italoamericani cercano di mantenere il più saldo possibile il legame con la loro terra d’origine (compresi quelli che non l’hanno mai vista), e navigare su dei blog italiani è senza dubbio un modo molto semplice ed economico per farlo.
    Proprio oggi sul treno parlavo con una collega dei suoi parenti italoamericani, e lei mi diceva che loro non soltanto parlano perfettamente l’italiano (anche gli immigrati di terza generazione), ma cercano anche di tenersi aggiornati su tutto: le canzoni in gara a Sanremo, i film italiani più apprezzati, i risultati del Napoli… insomma, tutto questo per dirLe che i nostri clic in teoria provengono dagli Stati Uniti, ma in realtà sono più italiani che mai! 🙂

  3. corvobianco213 ha detto:

    Succede anche a me!
    Ma chi è sta gente dagli Stati Uniti?
    Mha… mistero…

  4. Andrea ha detto:

    Presente!

  5. acabarra59 ha detto:

    “ Giovedì 7 gennaio 2016 – Oggi, sul mio blog – ma non credo sia un blog – c’è un solo visitatore, piccino picciò. La zelante WordPress mi informa che sta in Israele, così io mi diverto a immaginarlo con qualcosa in testa, una kippah, come minimo. Mi piacerebbe conoscerlo, se non altro per farmi spiegare bene ‘sta storia del cappello, che ancora, per quanto ci pensi, non posso dire di averla capita. In ogni caso, shalom, se si dice così. (P. s. Se lo sconosciuto lettore di là dal mare continua a leggermi, capirà presto che il mio non è un blog, ma un diario, Anzi, un « diario del pianto ». Proprio come il « muro ». Qualcosa di fronte a cui si sta, scuotendo la testa, ma vanamente, come per liberarsi da un oscuro, irredimibile peso, un dolore inguaribile, un destino implacabile) “.

  6. marisasalabelle ha detto:

    Per completezza devo dire che ho avuto visite dal Regno Unito, dalla Spagna e poi visitatori solitari, sicuramente capitati da me per caso e mai più tornati, da posti come la Nuova Zelanda e l’Azerbaijan…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...