Non luoghi

Il nuovo ospedale di Pistoia, il San Jacopo, sorge fuori città, nell’area un tempo chiamata “campo di volo”. È un insieme di grossi scatoloni a strisce verticali verdi, beige, crema. Il verde dovrebbe richiamare la vocazione vivaistica della nostra città; per il motivo a righe verticali c’è chi dice che sia ispirato al codice a barre. Non so se sia vero. So che a Prato c’è un ospedale identico, salvo il fatto che le righe sono bianche, nere e grigie, e lo stesso a Lucca e a Massa. Anche all’interno gli ospedali sono uguali, con ampi corridoi pavimentati di linoleum celeste o verdolino, pareti tinte in colori pastello, porte arancioni e percorsi gialli in rilievo per i non vedenti. I reparti sono tutti uguali, passi da un piano a un altro, da un reparto a un altro, da un ospedale a un altro e ti sembra di rifare cento volte lo stesso percorso. Con zia Marietta al san Jacopo, zia Pinella a Prato e zia Rosina a Lucca rischio di farmi venire le vertigini. Sarà l’area A o la B? Il primo piano o il terzo? Stanza 8, letto 2, stanza 7, letto 1… Salgo e scendo le scale, prendo l’ascensore, cammino sul percorso giallo, svolto a sinistra, giro a destra… Ad ogni angolo trovo le stesse pareti celesti, le stesse porte azzurre, le stesse infermiere trafelate, le stesse zie nei lettini ortopedici.

Annunci

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...