Carso!

Con i ragazzi di quell’età, e per di più in classi completamente maschili, bisogna stare molto attenti a quello che si dice. Per esempio, non è il caso di dire, parlando del libro di letteratura, «se ce l’avete tiratelo fuori», perché non si sa mai che cosa potrebbero capire. So di professoresse di matematica messe in imbarazzo da una lezione sui seni e di una supplente di informatica che, a proposito dell’indirizzo IP, aveva sconsideratamente affermato: «Più è lungo e meglio è!»
Ma non mi aspettavo che arrivassero a equivocare sul Carso, confondendo il sistema montuoso col ben noto organo maschile, né che sghignazzassero e si dessero gomitate sentendomi dire che per i soldati italiani combattere su quel fronte era «molto duro».
Ragazzi, pensavo che l’età delle battutine allusive coincidesse più o meno con quella della scuola elementare, ma evidentemente mi sbagliavo…

Annunci

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, scuola e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Carso!

  1. wwayne ha detto:

    Anche in una delle mie classi ci sono problemi di questo tipo. Proprio ieri la collega di Scienze si lamentava del fatto che, ogni volta che lei è costretta a nominare lo stronzio, subito in classe si scatenano gomitate e risatine. Si aspettava che succedesse le prime 2 o 3 volte e che poi la cosa diventasse stantia, invece anche dopo una ventina di volte l’andazzo è sempre lo stesso. Se fossi nei suoi panni, onestamente la cosa non mi irriterebbe più di tanto: son ragazzi, vanno capiti. Ma forse parlo così perché fino a pochi anni fa ero un liceale anch’io, e quindi è più facile per me capirne e giustificarne i comportamenti.

  2. marisasalabelle ha detto:

    Infatti, son ragazzi, io ci rido su. Quando ero più giovane certe battute mi urtavano, forse perché ero una donna in classi maschili, ora faccio una risata con loro e passo oltre.

  3. Prof. Ermegisto Aristogitone ha detto:

    Che capìti e capìti… disgraziati… fannulloni… quarant’anni di duro lavoro tra queste quattro mura e loro a fare battutine a caso… sciagurati… ma glelo faccio vedere io chi è il prof. Aristogitone… canaglie… scellerati… quarant’anni… aahhhh!

  4. RobySan ha detto:

    È chiaro che, se esiste assonanza tra qualcosa di “ben noto” e qualcosa di men noto, il “ben noto” prevale. Comunque ecco una breve bibliografia:

    Tentor, Tunis, Venturini, “Schema stratigrafico e tettonico del Carso isontino”, Natura Nascosta

    Enrico Halupca, “Le Meraviglie del Carso”, edizioni LINT Trieste

    Durissini e Nicotra, “I Sentieri del Carso”, edizioni LINT Trieste

    Forti, “Invito alla conoscenza del Carso”, edizioni LINT Trieste

    AA. VV., “Introduzione [alla Flora e alla Vegetazione] del Carso”, edizioni LINT Trieste

    Blasich e Scarpa, “Il Carso visto da vicino”, edizioni LINT Trieste

    Scipio Slataper, “Il mio Carso”, Mursia

    Giulio Angioni, “Gabbiani sul Carso”, Sellerio

  5. marisasalabelle ha detto:

    Devo trasmettere questi titoli ai ragazzi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...