A pensar male

«Noi martedì prossimo lasciamo la palla al Parlamento. Il Parlamento deve decidere se procedere in tempi serrati o se vuole bloccare le immissioni in ruolo dei precari delle graduatorie a esaurimento con l’ostruzionismo».
Era il 4 marzo, quando tutti i giornali pubblicavano queste parole del nostro illuminato premier Matteo Renzi. E io, malignazza come sempre, pensavo: Matteo Renzi ci è o ci fa? Dopo mesi di comunicati sempre diversi e sempre più perentori su buona scuola, riforma, assunzioni, decreto legge, ha deciso tutt’a un tratto che su una materia così delicata ci vuole un’approfondita discussione in Parlamento, o sta preparando il terreno per tirarsene fuori all’ultimo momento, con la scusa che i tempi sono stretti, gli emendamenti sono troppi, i sindacati prepotenti, il mondo della scuola troppo conservatore… e che quindi non se ne fa niente, peccato per le assunzioni? Sono bastati tre mesi e mezzo, e i fatti hanno confermato la mia ipotesi. Aveva ragione Andreotti: a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca!

Annunci

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, scuola e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a A pensar male

  1. tramedipensieri ha detto:

    Gente di parola, idee chiare e, soprattutto, programmi innovativi!

  2. wwayne ha detto:

    Ho l’impressione che per noi studenti del TFA sia meglio che la riforma della scuola venga rimandata di un anno: ad un anno dal conseguimento dell’abilitazione, sarebbe più facile per noi venire inseriti, se non tra le immissioni in ruolo, quantomeno nelle graduatorie ad esaurimento. Se invece la riforma passa adesso, è chiaro che gli ultimissimi arrivati ne restano fuori. E’ d’accordo col mio ragionamento?

  3. marisasalabelle ha detto:

    Sono d’accordo. Personalmente, ho sempre considerato pessima la Buona Scuola e demagogiche le tanto decantate assunzioni. Il governo deve semplicemente sanare delle situazioni insostenibili, inutile che si spacci per buono e generoso… A te e a tutti quelli che hanno fatto, come te, un iter impegnativo e pieno di ostacoli auguro ogni bene. La scuola ha bisogno di gente giovane e motivata!

    • wwayne ha detto:

      A questo proposito, ricordo di aver visto su Repubblica.it un video in cui Renzi diceva “E’ vero che l’Europa ci imponeva di immettere in ruolo i docenti precari, ma per soddisfare la richiesta bastavano 3mila assunzioni, tutte le altre sono una nostra iniziativa.” Non ho mai verificato tale affermazione (non saprei dove reperire le carte, e non avrei né il tempo né la voglia né forse la competenza giuridica per analizzarle), ma credo proprio che sia una baggianata. Grazie per la solidarietà! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...