Vacanza

Da oggi sono in vacanza. Colpevolmente in vacanza per una settimana: una settimana sottratta allo Stato che mi paga un sontuoso stipendio, ai miei alunni che anelano a vedermi per un numero di ore triplo rispetto a quello che gli offro, alla comunità tutta che scalpita nel vedermi tanto oziosa. Perciò, tormentata dai sensi di colpa, ho deciso di devolvere le giornate di oggi e domani alla correzione dei compiti, di recarmi sabato mattina presto al mercato ortifrutticolo per scaricare cassette di frutta, come saggiamente suggerito dal ministro Poletti (lo so, lui lo proponeva ai ragazzi, altra manica di fannulloni, ma penso possa andar bene anche per me), di dedicare martedì e mercoledì prossimi a programmare le lezioni per il mese di aprile. Domenica e lunedì sarei tentata di riposarmi, ma penso che per non dare l’impressione di vivere a sbafo leggerò qualche capolavoro della letteratura italiana e straniera del Novecento e visiterò almeno tre musei.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, scuola e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Vacanza

  1. wwayne ha detto:

    A proposito di lezioni, le racconto una cosa successa di recente ai corsi per il TFA.
    Qualche giorno fa mi è capitato di assistere ad una lezione di geografia. La prof che la teneva usava un anglicismo ogni 10 parole, anche quando non era assolutamente necessario (per esempio, usava “journal” anziché diario). Dopo un po’ la cosa è diventata così ridicola che, ad ogni anglicismo che lei tirava fuori, la platea rispondeva con sghignazzi trattenuti a stento.
    Poi, quando la lezione stava per finire, la prof ha proiettato una cartina che mostrava la distribuzione delle caffetterie Starbucks nel mondo. Subito dopo uno di noi si è alzato in piedi e le ha urlato a presa di giro ”Questa cosa sarebbe, la mappa del coffee?” A quel punto non ce l’abbiamo fatta più a trattenerci, e siamo scoppiati in una gigantesca risata collettiva. La professoressa è rimasta così mortificata che ha concluso subito la lezione, fingendo che le si fosse rotto il microfono.

  2. marisasalabelle ha detto:

    Diciamo che se l’è meritato… del resto, come sai, ha illustri esempi cui attingere… pensa al nostro comune amico Matteo!

    • wwayne ha detto:

      Non ci avevo pensato, ma ha ragione: in effetti anglicismi + slide a tutto spiano sono due cose che Matteo e quella prof hanno in comune. Se non ci risentiamo, buona Pasqua! 🙂

  3. marisasalabelle ha detto:

    Buona Pasqua anche a te, carissimo! 🙂 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...