La libertà

Prima di Natale, è di prammatica una tappa dalla parrucchiera. Mentre Tiziana mi spennella i capelli con quella che Pirandello avrebbe chiamato “un’orribile manteca”, do un’occhiata al giornale. Una notizia mi colpisce: un blitz dei carabinieri di Roma verso un gruppo di neofascisti che progettavano attentati su larga scala.
«Senti che roba! Pensavano di far fuori dieci o dodici presidenti di regione tutti in un botto! E se ne vantavano su facebook!»
«Mamma mia!» commenta la ragazza continuando a spalmare.
Interviene una signora con la testa piena di bigodini:
«Ah, ma la gente è esasperata! Non ne può più!»
«Prima o poi qualcuno farà una strage» commenta un’altra da sotto il casco. «E farà altro che bene!»
«Sì, perché hanno passato il segno!»
«L’Italia, l’hanno assassinata!»
«È vero, ma progettare omicidi non mi sembra una buona cosa» provo a intervenire: chi avrebbe immaginato che delle signore intente a farsi la messa in piega fossero tanto invelenite?
«Ah, ma se la cercano!» interviene la signora dei bigodini.
«Perché c’è tanta gente alla disperazione…»
«Ci stanno togliendo tutto, anche la libertà!»
«In che senso, la libertà» chiedo.
«Ora per esempio nelle scuole…»
«Cosa, nelle scuole?»
«Non c’è più libertà di educare i figlioli come ci pare!»
«Se uno per esempio dice che la famiglia è composta di un uomo e di una donna, va subito in galera!»
«Questo non è vero» obietto.
«Altroché! Vogliono farci diventare tutti gay! E chi la pensa diversamente, in galera!»
«Lei conosce qualcuno che è in galera perché non è gay?»
«Gli vogliono fare il lavaggio del cervello! Ai nostri figli!»
«Guardi che non è così…»
«Eccome se è così! C’è mai entrata in una scuola, lei?»
«Ci lavoro da trentacinque anni. E non mi pare proprio che succeda ciò che state dicendo.»
«Sarà lei un’eccezione. Ma sappia che nelle scuole…»
Che dire? Di fronte a tanta veemenza, non c’è alternativa che il silenzio: oppure alzarmi, con in testa l’orribile manteca, e rassegnarmi a festeggiare il Natale con una capigliatura in stile Crudelia De Mon, mezza bianca e mezza nera…

Annunci

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a La libertà

  1. RobySan ha detto:

    La libertà è proprio star su un albero!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...