Mucchietti

Per un lungo periodo, nella mia vita, ho passato ore a dividere i capi lavati e stirati in tanti mucchietti corrispondenti ai vari abitanti della casa. Facile per camicie, maglie e pantaloni, più complicato per mutande e calzini. Solo la lunga esperienza e la competenza di una madre di famiglia possono venire a capo di tonnellate di articoli di biancheria intima. Non basta riconoscere la taglia e sapere i colori preferiti di ciascuno, occorre individuare caratteristiche più sottili e personali. Un buco in corrispondenza dell’alluce o sul tallone, una trina o un fiocchetto sulla spallina di un reggiseno, la scoloritura di un pigiama e quella macchia di caffè mai scomparsa del tutto da una t-shirt… sono tutti indizi altamente rivelatori, grazie ai quali una madre professionista saprà attribuire ogni capo al suo legittimo proprietario.
Poi, col tempo, i figli se ne vanno, portando con sé la propria lingerie. Ora fare i mucchietti è facilissimo: mutanda mia, mutanda di mio marito. Calzino mio, calzino di mio marito. Non ci si può sbagliare. Ma che divertimento c’è?

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...