Casus belli

«Marisa, tu che sei così saggia…»
Quando sento la collega Stefania parlare in questi termini fiuto sempre il trabocchetto. Le rivolgo un largo sorriso: «Dimmi!»
«In quinta, quando fai la prima guerra mondiale… tu glielo insegni il casus belli
«Intendi l’attentato di Sarajevo? Certo!»
«Lo so, lo so… ma quello che volevo sapere è: tu gliela insegni l’espressione casus belli
«In latino, dici? Mah, no, sui libri non viene più usata, e poi loro il latino non lo sanno…»
«E come dici?»
«L’occasione, l’episodio… non so, come capita.»
«No, perché casus belli… insomma, è un’espressione più appropriata, mi sembra.»
«Non ci bado un granché, Stefania. Piuttosto, mi raccomando: insisti su Weltanshauung, Erlebte Rede, pentacosiomedimni
«Pentacosiomedimni? Ma in quinta non facciamo mica storia greca!»
«Lo so, ma vuoi mettere come suona bene?»

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, scuola e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Casus belli

  1. RobySan ha detto:

    E glielo spieghi che il De bello gallico non è l’autobiografia di Alain Delon?

  2. marisasalabelle ha detto:

    Magari la lascio in forse…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...