Tristezza

Come siano tristi gli ultimi giorni di scuola, solo chi ci vive dentro lo sa. Se dici in giro “non ho più voglia, sono stanca, sto contando i giorni che mancano alla fine delle lezioni” la gente si indigna e non ha tutti i torti: che tu faccia o no gli scrutini, gli esami, le relazioni, i corsi di recupero, il dato incontrovertibile è che ti aspettano vacanze più lunghe di quelle di qualsiasi altro mortale, e quindi, di che ti lamenti, che io devo lavorare ancora fino al 5 di agosto?
Ma la tristezza degli ultimi giorni di scuola, gli altri non la conoscono. Quando non hai più argomenti da proporre, autori da leggere, quando ti aggiri per i corridoi come uno zombie, e le classi sono dimezzate: c’è chi ha smesso di venire perché sa che non ce la può fare, chi è in stage, chi ha già tutti i suoi voti positivi e inizia le vacanze in anticipo; e nelle aule trovi solo gruppetti sparuti di postulanti, che vengono a farsi interrogare ancora un’ultima volta, e l’interrogazione va male, perché hanno accumulato troppe materie, troppi argomenti, troppe cose che avrebbero dovuto fare durante tutto l’anno scolastico e non hanno fatto.
«Non mi può dare l’insufficienza, prof! Ieri ho studiato tutto il giorno!»
«Bastasse studiare tutto il giorno per un solo giorno, non ci sarebbe bisogno di venire a scuola tutto l’anno» rispondi arcigna, e intanto scruti un’ultima volta il registro, leggi i voti come foglie di tè, prima di annunciare il verdetto.
Sono ore che non passano mai, ore in cui avverti l’inutilità di ogni tuo sforzo:
«Che cosa non ha funzionato, ragazzi? Le lezioni non sono state chiare, interessanti, stimolanti? O è la formula nel suo complesso che non funziona più?»
«Non si senta in colpa, professoressa. Non è colpa sua, davvero. Siamo noi che non abbiamo avuto voglia di impegnarci…»

Annunci

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, scuola e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Tristezza

  1. mycreamcaramel ha detto:

    Dura vita quella dei liceali, per me in particolare il terzo anno… verso la fine è stato un vero incubo!

  2. tramedipensieri ha detto:

    «Non si senta in colpa, professoressa. Non è colpa sua, davvero. Siamo noi che non abbiamo avuto voglia di impegnarci…»

    e vorresti _quasi_ promuoverli tutti….
    Coraggio hai fatto ciò che potevi il resto lo devon metter loro. Impareranno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...