È strano

Uno dei miei ragazzi ha partecipato a un concorso di poesia. Questo pomeriggio c’è la premiazione e lo accompagno. Non abita in città e non conosce bene la zona in cui ha sede l’associazione che ha bandito il concorso, perciò gli do appuntamento davanti a scuola. Ed eccomi qui, nel sole accecante di un pomeriggio di fine maggio, che lo aspetto: proprio quando ho perso ogni speranza lo vedo arrivare, in compagnia di due improbabili personaggi che scopro essere sua nonna e suo zio.
«Presto, andiamo o faremo tardi. Siete in macchina?»
No, sono venuti in treno, ma poiché erano in anticipo ne hanno approfittato per sbrigare alcune commissioni in centro, poi hanno preso l’autobus, hanno sbagliato fermata.
«Come avete potuto sbagliare fermata, Gabriele. Non vieni a scuola ogni mattina con l’autobus dalla stazione? Non riconosci la fermata della scuola?»
Sì, Gabriele viene ogni mattina con l’autobus dalla stazione, ma è con gli altri ragazzi, scende dove scendono loro, non ci fa caso; al ritorno lo stesso, si accoda al gruppo, poi l’autobus degli studenti è sempre affollato, si sta pigiati come salacche, lui che non è tanto alto letteralmente non vede fuori dal finestrino, e quindi…
«E quindi, professoressa, a un certo punto mi sono accorto che eravamo davanti alla scuola, ma ormai l’autobus l’aveva superata, così siamo scesi a quella dopo, che però è parecchio in là…»
«Okay, okay, sbrighiamoci, salite in macchina con me.»
Parcheggiamo poco distante dalla sede dell’associazione, che è in un antico palazzo del centro cittadino, entriamo, saliamo rampe su rampe di vecchi gradini in pietra serena, arriviamo in cima: un finestrone ci apre all’improvviso una vista magnifica della città, il campanile del Duomo, la cupola della Madonna dell’Umiltà.
Nella saletta, tutti i posti sono occupati. Ce ne stiamo in fondo, in piedi.
«Professoressa, mi dice Gabriele, è strano.»
«È strano cosa?»
«È strano… essere qui… con lei…»
«Se stiamo insieme tutti i giorni, in classe.»
«Sì, ma qui… è diverso…»
Mi rivolge uno sguardo indifeso, ha i piedi uniti, le braccia leggermente discoste dal corpo. Gli do un colpetto sulla spalla: va tutto bene, non ti preoccupare.
Intanto, esauriti i preamboli, il presidente dell’associazione legge i nomi dei vincitori. Si comincia dal terzo classificato, si va avanti col secondo, infine il breve silenzio che precede il nome del vincitore. Lo chiamano: è lui. Mi guarda incredulo.
«Sei tu, gli dico. Vai.»
Si avvia esitante verso il palco, gli stringono la mano, gli danno un attestato, gli consegnano il premio, che consiste in un grande dipinto a olio, pesantemente incorniciato, che raffigura un mare tempestoso in cui si dibatte una piccola imbarcazione. Una signora anziana recita con voce flautata la sua poesia, il pubblico applaude, poi, se Dio vuole, la cerimonia si conclude. Un sorso di prosecco e giù per quelle scale ripide, lui che a stento regge il suo trofeo: lo infiliamo a fatica nel baule della mia auto e via verso la stazione, sperando di fare in tempo al treno delle 18.14.
«Professoressa… mi dice Gabriele. È strano…»
E in effetti non posso che trovarmi d’accordo con lui.

Annunci

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, scuola e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a È strano

  1. tramedipensieri ha detto:

    Molto strano si, che la poesia non l’abbia letta lui e che gli si regali un quadro…mah…
    Certo che ritrovarsi con l’insegnante al di fuori dell’ambito scolastico deve averlo un pochino confuso 🙂

    Bravo! …mi sarebbe piaciuto tantissimo poter leggere la sua poesia….

    • marisasalabelle ha detto:

      Non è tanto strano, in realtà. I testi premiati nei concorsi letterari (parlo dei piccoli concorsi locali, gli unici di cui ho esperienza diretta) vengono sempre letti da un lettore, non dall’autore. E sul premio… Be’, a me tanti anni fa è capitato di vincere una scultura lignea… un’altra volta una pezza di stoffa…

  2. mapiova ha detto:

    Mi sono molto ritrovato nella prima parte del post. In effetti quando sei in gruppo – almeno per me – tendo a “farmi portare” e non prestare molta attenzione a dove vado. L’unica soluzione è fare le cose da solo in questo modo sei costretto a “camminare” da solo e fare attenzione a ciò che i circonda.

    • La Dona ha detto:

      Meglio camminare da soli. Questo ci permette di usare la nostra testa per scegliere.

      • marisasalabelle ha detto:

        Di solito i ragazzi che vengono a scuola con l’autobus s’intruppano, si mettono a chiacchierare o consultano l’Iphone, e a tutto badano fuorché alla fermata cui devono scendere… quando arriva il momento scende uno, e via, tutti gli altri dietro!

  3. wwayne ha detto:

    Quest’anno è stato davvero ricco di soddisfazioni per Lei e i Suoi alunni. Ad maiora! : )

  4. marisasalabelle ha detto:

    Qualche soddisfazione, qualche delusione… è la vita dell’insegnante!

  5. Giampaolo Gombi ha detto:

    Ho riso molto… è una storia molto divertente, raccontata benissimo

  6. marisasalabelle ha detto:

    Grazie Giampaolo… mi fa piacere che ogni tanto venga a trovarmi.
    E come ti è andata col torneo quest’anno?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...