Gridavano e piangevano

Mi sono interessata ai fatti di Genova 2001 fin dal primo momento. Mi è stato subito chiaro che in quell’occasione era stato compiuto un gravissimo danno alla democrazia e ai diritti dei cittadini e da subito ho raccolto articoli e materiale vario su quelle giornate infernali. Ricordo i telegiornali, le notizie date in modo evasivo, le interviste ai politici, gli articoli sui quotidiani; il numero speciale di Diario, di Enrico Deaglio, i filmati girati dai numerosi registi presenti al G8, le videocassette, i libri. Ricordo soprattutto il senso di incredulità che provai in un primo momento e che fu presto sostituito dall’amarezza e dalla vergogna. Vergogna che nel nostro Paese potessero avvenire certe cose.
Ho letto Noi della Diaz di Lorenzo Guadagnucci, ho seguito e seguo la sua rubrica Distratti dalla libertà su Altreconomia, sono stata alla presentazione del libro L’eclisse della democrazia scritto da lui e da Vittorio Agnoletto. Ho letto Bolzaneto, la mattanza della democrazia di Massimo Calandri. Credevo di sapere tutto, insomma. E invece non sapevo ancora tutto, e sono uscita fortemente turbata dalla lettura di un testo uscito poche settimane fa: Gridavano e piangevano, di Roberto Settembre.
Roberto Settembre è il giudice che ha redatto la sentenza d’appello del processo per i fatti di Bolzaneto e in questo libro ha riportato dettagliatamente le testimonianze delle centinaia di persone, giovani e adulti, italiani e stranieri, che durante tre giorni sono state private della libertà, segregate e impedite di contattare chiunque all’esterno, familiari, avvocati, consolati; minacciate, umiliate e torturate in quello che Settembre chiama apertamente un “universo concentrazionario”. È una lettura angosciante, che apre molti interrogativi e lascia tanto amaro in bocca.

Annunci

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, leggere e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Gridavano e piangevano

  1. tramedipensieri ha detto:

    Storia davvero vergognosa 😦
    Tre giorni non sono per niente pochi, una crudeltà inaudita per un paese che si reputa democratico e civile.
    Si reputa….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...