Mangiarseli

Oggi leggiamo il canto del conte Ugolino. Quello che rode la nuca del suo nemico, l’arcivescovo Ruggieri, che lo fece morire di fame insieme a quattro figli piccoli (così dice Ugolino, anche se noi sappiamo in realtà che i quattro erano due figli e due nipoti, e tutti adulti). Un racconto straziante, di fame e disperazione, di figli amatissimi che il povero conte è costretto a veder morire uno dopo l’altro. E se non piangi, di che pianger suoli?
Ma anche un canto un po’ splatter, un po’ trash, per via di quel cannibalismo del conte, che trapela da ogni verso: lui bestiale, intento a rosicchiare la nuca di Ruggieri, lui che si pulisce la bocca coi capelli dell’altro, lui che si morde le mani…
Provo a spiegare ai ragazzi l’ambiguità del testo, che culmina con quel sibillino «poscia, più che il dolor poté il digiuno». Spiego tutto questo, racconto, commento, poi passo alla lettura del testo.
Siamo ancora all’inizio del brano, il conte ha fatto un brutto sogno, si sveglia prima dell’alba, ha un cattivo presentimento, poi sente che di sotto inchiodano l’uscio dell’orribile torre. Lui diventa di pietra, i figli piangono e a un tratto si leva sgomenta la voce di Anselmuccio: «Tu guardi sì, padre! Che hai?»
In classe c’è il silenzio totale. E a un tratto, al posto di quella di Anselmuccio, si leva la voce di Francesco, che è un tipetto sveglio.
«Stava già pensando a come mangiarseli!»

Annunci

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Mangiarseli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...