Guardinfante

Oggi ho fatto la sesta ora. La sesta ora a scuola non è come la sesta ora in ufficio: devi essere ben sveglio e concentrato, portare avanti il tuo lavoro quale che sia (lezione, interrogazione, compito, conversazione…) perché se sprechi l’ora non è che te ne danno un’altra, e tu hai dei progetti per l’anno scolastico, progetti che comprendono anche l’utilizzo della sesta ora, quando i ragazzi sono stanchi, hanno fame, non vedono l’ora di andar via e sono stufi marci di te e degli altri professori che ti hanno preceduto.
Quest’anno, la sesta ora mi tocca tre volte la settimana. E va be’.
Torno a casa che sono quasi le due e mezzo. Per prima cosa mi cambio: via il giaccone fradicio (piove), via gli stivali, via la gonna, le calze, la maglia, la camicetta… ad ogni strato che tolgo sento che il mio corpo respira più libero. Mi metto i capi che mi piace portare a casa: calzini, tuta, pantofole imbottite. E penso a quando le donne portavano gorgiera, busto, crinolina, guardinfante. Cavolo, ma come facevano?

Annunci

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, scuola e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...